Papà cambia genere per poter rivedere le figlie: "Ora ho gli stessi diritti di una mamma"

Francesca Argentati

05 Gennaio 2023

Papà cambia genere per poter rivedere le figlie:
Advertisement

Ogni genitore farebbe qualunque cosa per i propri figli e per assicurarsi il loro benessere. Sacrifici e rinunce sono spesso necessari per garantire tutto il necessario ai piccoli, ma ogni difficoltà viene ricompensata dalla loro gioia e dal poterli vedere crescere ogni giorno. L'amore di un papà ecuadoriano ha sfidato ogni barriera possibile per il grande amore nei confronti delle sue due figlie: l'uomo infatti, dopo il divorzio, ha fatto qualcosa di straordinario pur di non rinunciare a loro, scegliendo di cambiare genere per poter diventare una mamma, in modo tale da acquisire maggiori diritti circa custodia. Scopriamo insieme l'intera vicenda.

via El Universo

Advertisement

René Salinas Ramos è un papà di Cuenca, Ecuador, che si è trovato coinvolto in un divorzio piuttosto complicato. Il giudice aveva stabilito di poter affidare le due bambine soltanto alla madre, perlomeno fino alla risoluzione del caso. Questo ha portato René a prendere una drastica decisione: pur di non rinunciare alle sue figlie, ha scelto di diventare donna.

L'uomo si è rivolto all'anagrafe locale e ha cambiato legalmente genere, nonostante il motivo non sia legato alla sua identità personale, ma esclusivamente al desiderio di poter accudire le sue bambine. L'unica speranza di Salinas Ramos era quella di aggirare il sistema normativo che consente maggiori diritti alle donne riguardo alla custodia dei minori.

"Questa è una prova del mio amore per loro" ha dichiarato René. Dal 2015, l'Ecuador ha consentito ai suoi cittadini il cambio di genere, a patto che abbiano raggiunto la maggiore età e che due testimoni possano garantire la libera e autonoma scelta dell'individuo. Il percorso, inoltre, può avvenire soltanto una volta e deve avere una durata minima di due anni.

René, che non vede una delle sue figlie da un anno e mezzo, spera di potersi ricongiungere a loro e ottenerne la custodia. "Ora che sono una donna, posso essere una madre e sono su un piano di parità nella lotta per i diritti dei genitori. Posso essere una mamma anch'io: so cucinare, dare amore, stirare e tante altre cose materne."

Una scelta di certo molto coraggiosa, che dimostra l'estremo desiderio dell'uomo di poter vedere ogni giorno le sue piccole. Cosa ne pensi della sua idea?

Advertisement