La dieta mediterranea aiuta l'intestino a produrre batteri "buoni" e contrasta l'invecchiamento: parola della scienza - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La dieta mediterranea aiuta l'intestino…
Questo artista riempie di colore e spensieratezza le strade di New York abbellendo muri, tombini e tubature In questo villaggio olandese le strade sono canali d'acqua attraversati da ponti e barche silenziose

La dieta mediterranea aiuta l'intestino a produrre batteri "buoni" e contrasta l'invecchiamento: parola della scienza

19 Febbraio 2020 • di Lorenzo Mattia Nespoli
1.538
Advertisement

Quante volte abbiamo sentito parlare della dieta mediterranea e degli enormi benefici che questo modello nutrizionale è in grado di regalare alla nostra salute? Probabilmente molte, e i motivi non sono certo difficili da comprendere. Si tratta di un modo di intendere e portare avanti la dieta basato su alimenti consumati abitualmente nei Paesi del bacino mediterraneo, riconosciuto persino dall'Unesco come bene protetto e patrimonio immateriale dell'umanità.

Il motivo è presto detto: questa dieta fa bene, ed esistono numerosissime evidenze scientifiche che lo dimostrano. Qui vogliamo parlarvi di uno studio che si è concentrato sul rapporto tra questo tipo di alimentazione, salute dell'intestino e invecchiamento.

via: CNN

Si tratta di una ricerca condotta in cinque Paesi diversi e pubblicata sulla rivista Gut. In particolare, secondo quanto scoperto analizzando i partecipanti, la dieta mediterranea potrebbe agire sui batteri intestinali, aiutando il fisico a rallentare l'invecchiamento, e dunque il declino cognitivo e il deterioramento delle funzioni corporee.

Analizzando il microbioma intestinale di 612 persone dai 65 ai 79 anni sottoposte prima a una dieta normale e poi a quella mediterranea in Francia, Italia, Paesi Bassi, Polonia e Regno Unito, gli scienziati si sono accorti che, nell'intestino, qualcosa cambiava davvero.

immagine: MrGucler/YouTube

Vale a dire che il modello nutrizionale mediterraneo favoriva una migliore composizione batterica di quest'organo, ossia che l'intestino di chi mangiava "mediterraneo" era più forte, più protetto dall'invecchiamento. La salute generale di queste persone, nel complesso, era più solida. Non solo: come conseguenza della dieta, è stato verificato anche un miglioramento delle funzioni cerebrali e una ridotta produzione di sostanze chimiche infiammatorie.

Advertisement
immagine: Pxfuel

Come si spiega tutto questo? Frutta, verdura, noci, legumi, olio e tutti gli altri alimenti che fanno parte di questa dieta fanno aumentare la fibra alimentare, vitamine C, B6, B9, rame, potassio, ferro e altre sostanze fondamentali per contrastare l'invecchiamento e mantenersi in salute.

Il tutto, a partire proprio dai batteri benefici dell'intestino. Specie in età avanzata, dunque, e salvo particolari intolleranze, allergie o patologie legate all'alimentazione, nutrirsi seguendo la dieta mediterranea può rivelarsi un atto davvero benefico per la nostra salute, fondamentale per assicurarci la possibilità di invecchiare in buona salute.

immagine: miquitos/Flickr
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie