Nel Lazio nasce la Banca delle Parrucche: ognuna di esse verrà donata gratis ai pazienti affetti da cancro - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Nel Lazio nasce la Banca delle Parrucche:…
Presto sentire il canto degli uccelli potrà essere raro: l'allarme degli esperti sullo stato di salute dei volatili 18 foto di uomini che avevano detto di non volere assolutamente un gatto in casa

Nel Lazio nasce la Banca delle Parrucche: ognuna di esse verrà donata gratis ai pazienti affetti da cancro

06 Febbraio 2020 • di Marta Mastrogiovanni
1.909
Advertisement

Chi combatte contro il cancro nella speranza di sconfiggere la temibile malattia, si scontra quasi ogni giorno con momenti di rabbia, paura e frustrazione. Oltre alle gravi conseguenze fisiche che la terapia antitumorale comporta, un paziente affetto da cancro, ancor più se è donna, si sentirà a disagio e svilito nel constatare l'insistente perdita di capelli giornaliera. Così, le aziende sanitarie della Regione Lazio, in collaborazione con gli ospedali e altri enti del terzo settore che operano per l'assistenza ai malati oncologici, fornirà gratuitamente delle parrucche per tutti i pazienti, oltre a sostenere l'espansione di una propria Banca della Parrucca.

immagine: Pxfuel

Le Asl e gli ospedali del Lazio forniranno gratuitamente le parrucche, una volta che la richiesta dei pazienti sarà approvata. L'obiettivo principale è, ovviamente, quello di alleviare il disagio della perdita dei capelli, di chi sta facendo lunghi trattamenti di chemioterapia.

"Oltre a tutte le cure vogliamo alleviare il disagio psicologico che è conseguenza della malattia che non solo colpisce il corpo, ma spesso ha conseguenze anche sulla psiche del paziente" hanno commentato Alessio D'Amato, Assessore alla Sanità e l'Integrazione sociosanitaria della Regione Lazio, e Alessandra Troncarelli.

immagine: Pixabay

Entro 60 giorni dall'entrata in vigore della Legge regionale, la Giunta dovrà definire i requisiti e i criteri di priorità per l'accesso ai contributi, le modalità di presentazione delle domande, i criteri per la realizzazione, i requisiti per l'accesso alla Banca della Parrucca e le modalità di coinvolgimento degli Enti del terzo settore.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie