Questo artista dei Lego ha realizzato il Colosseo con 200.000 mattoncini colorati - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Questo artista dei Lego ha realizzato…
Il primo gatto clonato nella storia della scienza si chiama Garlic ed è Un carpentiere in pensione spiega come potrebbe essere stato costruito il complesso di Stonehenge

Questo artista dei Lego ha realizzato il Colosseo con 200.000 mattoncini colorati

924
Advertisement

Chi non ha mai giocato con i Lego? I celebri mattoncini colorati di plastica hanno fatto trascorrere ore e ore di assoluta creatività a moltissime persone, sviluppando ingegno e capacità "architettoniche".

I Lego, infatti, sono molto più che semplici giocattoli per bambini. In ogni parte del mondo, esistono vere e proprie schiere di appassionati e appassionate di tutte le età, che non esitano a trasformare il popolare gioco danese in un'autentica forma d'arte.

E non si potrebbe descrivere altrimenti il lavoro di Ryan McNaught, professionista Lego australiano: per lui, definito "Lego certified professional master", quella delle costruzioni colorate in plastica è una missione quotidiana. Vediamo quale incredibile creazione è nata dalle sue stesse mani.

immagine: Facebook

A prima vista non si può confondere: è l'Anfiteatro Flavio, meglio conosciuto come Colosseo, simbolo della città di Roma e dell'antichità classica. Bene: Ryan McNaught ha deciso di reinterpretare la monumentale costruzione di quasi 2000 anni fa. Come? Ovviamente con i Lego. Per la precisione, con ben 200mila mattoncini.

Proprio così: un numero enorme di tasselli di plastica ha dato vita a questa opera d'arte ricchissima di particolari. Nell'arena romana di McNaught, infatti, non mancano i gladiatori, gli spettatori e gli animali che combattevano fino all'ultimo sangue sul suolo romano.

immagine: Facebook

Ryan ha deciso di dividere il suo Colosseo in due sezioni: una riprende l'anfiteatro nel suo momento di massimo splendore, poco dopo la sua ultimazione; l'altra è una "fotografia" in Lego del monumento allo stato attuale.

Advertisement
immagine: Facebook

L'opera di McNaught è stata così apprezzata da meritarsi l'esposizione presso il Museo Nicholson di Melbourne, in Australia, ed è ritenuta una delle riproduzioni più fedeli all'originale mai realizzate di un luogo antico, utilissima anche per scopi didattici.

immagine: Facebook

Per sua stessa ammissione, il Colosseo di Lego è stato l'edificio in mattoncini di plastica più difficile mai costruito, anche e soprattutto per via della sua forma ovale, non certo semplice da rendere con tasselli quadrangolari.

immagine: Facebook

Non c'è che dire: si tratta di un'opera mozzafiato, da osservare nei minimi dettagli, e che magari ispirerà molti piccoli appassionati di Lego a diventare artisti professionisti come Ryan!

Advertisement
immagine: Facebook
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie