Questa foto in realtà è in bianco e nero: ecco perché i tuoi occhi la vedono a colori - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Questa foto in realtà è in bianco…
L'eccidio di Katyn: quando il regime di Stalin massacrò 22.000 persone e riuscì a dare la colpa ai Nazisti La storia di Adam Rainer, l'unico uomo che è stato sia nano che gigante

Questa foto in realtà è in bianco e nero: ecco perché i tuoi occhi la vedono a colori

1.965
Advertisement

La nostra mente agisce spesso in modo stravagante. Quante volte ci capita di guardare un'ombra e di suggestionarci fino a vedere esseri immaginari? Proprio partendo dalla capacità immaginativa della mente sono state create le più varie illusioni ottiche: immagini psichedeliche, caleidoscopi, octascopi, stereogrammi.

Negli ultimi tempi sta circolando su internet un'immagine che, ancora una volta, ci mostra in che modo bizzarro si comporti il nostro cervello.

via: Patreon
immagine: Patreon

Creata dall'artista dei media digitali e sviluppatore di software Øyvind Kolås, l'immagine ritrae un gruppo di studenti intenti a lavorare al pc. I ragazzi sono seduti su sedie verdi e indossano abiti colorati. Niente di strano. Ma è proprio così? Guardiamo più da vicino.

Avvicinandoci, notiamo che la foto non è per nulla a colori: su una immagine in bianco e nero sono stati applicati punti, linee o griglie colorate. Per creare l'immagine, Kolås ha utilizzato una particolare tecnica chiamata "illusione della griglia di assimilazione del colore". Questa tecnica inganna il nostro cervello e ci fa vedere come colorata un'immagine che, in verità, è solo in bianco e nero.

Analizzando da vicino le immagini di Kolås, si nota che non più del 36% di esse è colorato. E, allora, com'è possibile che il nostro cervello interpreti queste foto come totalmente colorate? Il professor Bart Anderson della Università di Sidney ha cercato di dare una risposta. Secondo la sua ipotesi, ciò avviene perché il cervello comprime le informazioni visive quando guardiamo distrattamente un oggetto e non procediamo ad esaminarlo da vicino. Insomma, il cervello ci propone come la realtà debba, generalmente, essere, se noi non la analizziamo più attentamente rendendoci conto di come effettivamente è.

Kolås ha sviluppato ancora il suo progetto mostrando come anche le immagini in movimento creino lo stesso inganno. Un esperimento, divenuto ormai virale, che ci mostra quanto la nostra mente sia veramente speciale e sorprendente!

Advertisement
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie