Le creme solari potrebbero contenere sostanze che restano in circolo nel nostro organismo, lo studio - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Le creme solari potrebbero contenere…
È ufficiale: i livelli di CO2 nell'atmosfera superano 415 ppm per la prima volta nella storia Questa azienda trasforma le ceneri degli animali domestici in splendidi amuleti da conservare per sempre

Le creme solari potrebbero contenere sostanze che restano in circolo nel nostro organismo, lo studio

1.380
Advertisement

Una vacanza al mare o un'ora passata a curare il proprio giardino sono attività rilassanti, ma non per chi ha la pelle particolarmente delicata. Per chi è di carnagione troppo chiara, passare un'oretta di troppo al sole può significare solo una cosa: scottarsi. Fortunatamente sembrano esistere degli alleati, le creme solari, che possono proteggerci dai nocivi raggi UVA. Una nuova ricerca, però, metterebbe in discussione i loro benefici.

immagine: pixabay

Secondo uno studio condotto dalla Food and Drug Administration (FDA), l'Agenzia statunitense per gli alimenti e i medicinali, le creme solari contengono degli agenti che potrebbero essere nocivi per il nostro organismo.

I ricercatori hanno condotto delle ricerche su un gruppo di 24 persone. Ad ognuna di esse è stato chiesto di utilizzare una crema solare su tutto il corpo per 4 giorni consecutivi. Ai partecipanti sono poi stati fatti degli esami del sangue e si è scoperto che alcune sostanze presenti nelle creme solari restano nel nostro organismo per circa una settimana. I componenti chimici più aggressivi sarebbero 4: avobenzoneoctocryleneecamsule, e soprattutto oxybenzone, i quali agirebbero su determinati ormoni.

La coordinatrice dello studio, Kanade Shinkai (una dermatologa dell'Università di San Francisco), ha tuttavia chiarito che gli esiti dello studio non devono diventare un deterrente per l'utilizzo delle protezioni solari, anzi un incentivo a scegliere quella giusta, senza lesinare sulla qualità. 

Shinkai e tutti gli altri ricercatori coinvolti nello studio hanno infatti sottolineato che, mentre i risultati ottenuti dalla ricerca non sono cogenti a causa di varie problematiche (come l'esiguo numero di partecipanti e le poche informazioni sulle conseguenze che i componenti incriminati possano realmente avere sulla salute umana), è invece sicuro che i raggi UVA sono fortemente nocivi per la nostra pelle.

Perciò, in attesa di studi più approfonditi, teniamo sempre presente che prendere il sole senza filtri è veramente un rischio che sarebbe opportuno non correre mai.

Source:

Tags: ScienzaSaluteMedicina
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie