8 abitudini diffuse che danneggiano il riposo notturno - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
8 abitudini diffuse che danneggiano…
L'antico Castello di Edimburgo sorge su un vulcano estinto, sospeso tra storia e leggenda 16 fatti che sicuramente non conoscevate riguardo alcuni alimenti molto popolari

8 abitudini diffuse che danneggiano il riposo notturno

16.106
Advertisement

Se avere difficoltà a svegliarvi al mattino è qualcosa che vi capita spesso sappiate che le motivazioni dietro a questo problema possono essere meno scontate o palesi di quanto immaginiamo.
Escluse le cattivi abitudini e lo stress a cui attribuiamo ogni sorta di colpa, ci sono delle abitudini errate che non vi aiutano ad alzarvi in orario e con la giusta dose di energie su cui forse non avevate mai riflettuto ma che invece sono piuttosto sensate.

Immagine di copertina: Designed by Freepik

1. Recuperate le ore di sonno durante il weekend

immagine: Storyblocks

Se durante la settimana di lavoro dormite 6-7 ore per notte e nel fine settimana rimanete a letto fino a mezzogiorno, sappiate che non state realmente recuperando le ore di sonno perse: state scombussolando il vostro orologio biologico!
Riposare di più quando se ne ha la possibilità è giusto, ma la cosa migliore sarebbe limitarsi a un'ora in più rispetto al solito.

2. La vostra stanza è troppo illuminata

immagine: pixabay.com

Ormai dovremmo saperlo: usare i dispositivi elettronici prima di andare a dormire danneggia il nostro riposo. Questo avviene perché le fonti di luce sopprimono la produzione della melatonina, l'ormone che regola il ritmo sonno-veglia.
Lo stesso discorso vale anche per la luce naturale perciò, se lavorate di notte, assicuratevi di oscurare bene le finestre prima di mettervi a dormire. Per tutti gli altri casi... riducete almeno la luminosità dello smartphone portandola al minimo!

Advertisement

3. Non vi attenete ad alcuna routine

immagine: Storyblocks

Fare più tardi del solito una volta ogni tanto non rientra in questa categoria di "errori": si tratta piuttosto di ricordare che gli umani funzionano meglio quando gli stimoli che regolano l'orologio interno dell'organismo (fonti naturali - come luce solare e temperatura - e sociali - come i pasti alla stessa ora) si mantengono regolari.

4. Impostate tante sveglie...

... E nonostante questo cliccate immancabilmente su "posponi". Forse lo avete già notato, ma quando ci si riaddormenta dopo la prima sveglia si hanno molte possibilità di cadere in un sonno più profondo di quello da cui si proveniva, col risultato che quando ci si sveglia davvero si è in ritardo irrimediabile. Provate a impostare una sola sveglia all'orario più tardo possibile.

5. Saltate la colazione

immagine: pixabay.com

Mangiare a colazione è proprio una di quelle abitudini che aiuta l'orologio biologico a impostarsi bene, ad avere un riferimento fra questo pasto e il successivo.
Quando lasciamo trascorrere troppo tempo tra il risveglio e il primo pasto della giornata il corpo inizia ad aumentare la produzione di cortisolo, il cosiddetto "ormone dello stress".

Advertisement

6. Mangiate zuccheri raffinati prima di andare a dormire

immagine: StoryBlocks

Anche in questo caso, per non aumentare la produzione di cortisolo, sarebbe opportuno evitare pizza, dolci, patate e simili prima del riposo notturno.

7. Fate docce molto calde prima di andare a dormire

immagine: pixabay.com

Avere l'abitudine di fare una doccia prima di andare a dormire, non solo vi permette di entrare nel letto puliti, ma può anche aiutare il corpo a rilassarsi ed a "comprendere" che si avvicina il momento del riposo. Attenzione però a non farla usando acqua troppo calda: quando dormiamo la temperatura corporea si abbassa leggermente quindi innalzarla con la doccia manderebbe al cervello un segnale di risveglio, più che di riposo.

Advertisement

8. La vostra stanza da letto è sempre in disordine

immagine: pixabay.com

Stando a uno studio della St. Lawrence University, quando la stanza in cui dormiamo è disordinata il nostro cervello ne deduce che c'è qualcosa della giornata che è rimasto incompiuto. Al contrario, cambiare con regolarità le lenzuola e non accumulare oggetti in camera da letto è uno dei fattori che facilitano il riposo notturno!

Tags: TrucchiUtiliBenessere
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie