I 4 insegnamenti buddisti per gestire l'ansia - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
I 4 insegnamenti buddisti per gestire…
9 cibi che possono combattere la depressione meglio dei farmaci 12 modi in cui il tuo corpo ti sta dicendo che non bevi abbastanza acqua

I 4 insegnamenti buddisti per gestire l'ansia

16 Agosto 2017 • di Simone Troja
22.085
Advertisement

Per qualche strano motivo ansia e stress sono ormai dilagati nella società contemporanea. Sarà perché il mondo va sempre più veloce ed è sempre più competitivo, sarà a causa della quantità enorme di stimoli che riceviamo ogni giorno, ma indipendentemente dal perché, ci troviamo quotidianamente a dover fare i conti con questi spiacevoli compagni di viaggio. Per quanto vogliamo, non possiamo ignorarli, lungo andare influiranno negativamente sul nostro umore e sulla nostra salute fisica. Proprio per questo abbiamo raccolto quattro insegnamenti provenienti dalla dottrina buddista per gestire l'ansia e i turbamenti.

Immagine di copertina: pixabay.com

1 - Ognuno è responsabile di se stesso

immagine: pixabay.com

Non serve a nulla dare la colpa dei problemi che ci affliggono agli altri. Anche se scoprissimo che provengono da loro, liberarsene sarà solo una nostra responsabilità. Dobbiamo prendere consapevolezza di questo ed essere in grado di comprendere i nostri limiti, imparando a far fronte a questi problemi. È l'unico modo in cui la risoluzione può davvero essere reale.

2 - L'importanza del qui e ora

immagine: pixabay.com

Il momento presente è l'unico che ci appartiene. Spesso tendiamo a vivere di ricordi o cercando di immaginare ciò che succederà domani. Nel primo caso si rimugina su un passato nei confronti del quale non si ha più potere, nel secondo si cerca di controllare un futuro che ancora non è. La chiave per rimanere tranquilli è proprio quella di restare concentrati sul presente e non vivere con ansia pensando a passato e futuro.

Advertisement

3 - Il valore del non attaccamento

immagine: pixnio.com

Se basi la tua esistenza solo su cose o persone, limiti la tua libertà e aumenti la tua sofferenza. È nella natura delle cose esserci per un periodo limitato di tempo. Cercare di controllare le persone a cui volete bene e rimanere attaccati ossessivamente agli oggetti che possedete non farà altro ch rovinarvi la vita.

4 - Cadrai sempre negli stessi errori se non imparerai da essi

Se le nostre azioni non sono corrette secondo il buddismo stiamo generando un karma negativo. Ma tutte le persone hanno la possibilità di rimediare ai propri errori, a condizione che si affronti il problema nella maniera adeguata, imparando a distinguere gli errori che commettiamo. Se non riuscissimo a rompere questo circolo vi ricadremmo per sempre, fin quando non impareremo.

Tags: BenessereSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie