Smarrito da ben 8 giorni, questo labrador cieco viene salvato in modo del tutto inaspettato - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Smarrito da ben 8 giorni, questo labrador…
Dolori al nervo sciatico? Questi 8 esercizi vi aiuteranno a contrastarlo con efficacia Un farmaco capace di eliminare il diabete: la scoperta americana potrebbe rivelarsi rivoluzionaria

Smarrito da ben 8 giorni, questo labrador cieco viene salvato in modo del tutto inaspettato

13.246
Advertisement

Sage è un labrador di dodici anni completamente cieco che di solito non esce mai da sola ma un giorno ha lasciato erroneamente il giardino della sua famiglia. Tutti pensavano che Sage fosse nel cortile e solo un'ora dopo si sono accorti che non era così ed è stato il panico. Sono usciti di corsa e hanno iniziato a cercare il vecchio labrador nei dintorni e nei luoghi che frequentavano di solito, ma niente, non c'era traccia di Sage.

Alcuni dei vicini si sono uniti alla ricerca che però andava avanti a vuoto: dopo otto giorni Sage non era ancora stata trovata. Così, prima di perdere le speranze Beth Cole (proprietaria di Sage) e la sua famiglia hanno tentato il tutto per tutto mettendo un avviso con foto allegata in giro per il quartiere e pubblicandolo sui social. L'avviso recitava: "Scomparso labrador - Sage. È adorabile e completamente cieca". E proprio quando le speranze stavano sparendo la situazione si è risolta in un modo del tutto inaspettato.

Un giorno Dan Estrada, un amico e vicino di casa della famiglia Cole, era uscito per una passeggiata nei boschi con un suo amico e i suoi due cani Barnabas e Kolesch. Mentre camminavano nei pressi di un ruscello Dan ha visto qualcosa in fondo a un pendio che sembrava una borsa, si è fermato infastidito pensando che qualcuno non avesse rispettato quel luogo di natura e avesse buttato dei rifiuti inquinandolo, ma guardando meglio il suo cuore ha avuto un sussulto: quella non era una borsa ma il labrador Sage.

Advertisement

Il cane sembrava morto e in un attimo Dan ha immaginato di dover telefonare alla famiglia Cole e dargli la triste notizia. Così ha iniziato la discesa per recuperare il corpo del labrador ma mentre scendeva il suo amico lo ha chiamato per nome e in quel momento Sage si è mossa spostando la testa e Dan ha gridato di gioia, Sage era viva. "L'ho raggiunta e l'ho abbracciata, iniziando a baciarla e ad accarezzarla. Lei in risposta scodinzolava", ha raccontato Dan in seguito.

Così è stata contattata la famiglia Cole che ha raggiunto subito il bosco, nel frattempo Dan si è caricato Sage sulle spalle e l'ha portata fin sopra al pendio riconsegnandola alla sua famiglia che non riusciva a trattenere le lacrime di gioia, sembrava incredibile ma Sage era tornata e potevano di nuovo abbracciarla. I Cole avevano messo in palio una ricompensa di 1.000 dollari a chi gli avesse riconsegnato Sage, ma Dan non ha voluto un soldo, anzi, ha convinto i Cole a devolvere quella cifra ad un ricovero per animali. Sono questi i veri eroi, gli eroi che nessuno celebra, che non si mettono in mostra: le persone che nel momento del bisogno fanno la cosa giusta senza chiedere nulla in cambio per sé, al massimo un atto di beneficenza per chi ne ha davvero bisogno.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie