Il marketing sul menù: ecco le strategie dei ristoratori per pilotare le nostre scelte - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Il marketing sul menù: ecco le strategie…
Vendere la moglie al mercato: ecco perché si diffuse questa assurda pratica Un chip wi-fi torna a far camminare 2 scimmie paralizzate: ora si lavora per guarire gli uomini

Il marketing sul menù: ecco le strategie dei ristoratori per pilotare le nostre scelte

11.612
Advertisement

In teoria sappiamo tutti che il marketing pervade tutte le attività che svolgiamo e influenza le nostre scelte sfruttando meccanismi psicologici di cui spesso non siamo neanche a conoscenza. Per questo motivo le agenzie di pubblicità, oltre ad assumere persone dalla spiccata creatività, si preoccupano sempre di avere nel gruppo di lavoro anche degli esperti psicologi in grado di spiegare cos'è che spinge i consumatori a fare una scelta piuttosto che un'altra. E sapete di cosa, fra le innumerevoli altre, possono arrivare a occuparsi queste agenzie pubblicitarie? Della realizzazione dei menù che troviamo sul tavolo quando andiamo al ristorante...

Ecco 8 modi in cui i menù dirottano la nostra attenzione su quello che il proprietario del ristorante vuole che mangiamo.

immagine: Flickr

1 - Limitare le nostre opzioni di scelta: molti tendono a  sottovalutare questo aspetto ma proporre un menù con un numero limitato di scelte (quello ottimale è stato calcolato in 7 opzioni per ciascuna categoria) non solo rende più agile la gestione della cucina, ma mette il cliente nella condizione di scegliere senza stress; secondo il cosiddetto paradosso della scelta, infatti, nel momento in cui il nostro cervello deve scegliere fra più di 7 opzioni subentra uno stato di paralisi del ragionamento che alla fine ci spinge a optare per un piatto che abbiamo già mangiato in passato anziché tentare qualcosa di nuovo.

2 - Aggiungere immagini al menù: secondo uno studio realizzato dalla Iowa State University mostrare un piatto anziché descriverlo a parole aumenta la voglia che abbiamo di esso; lo studio in particolare ha dimostrato che mostrando l'immagine di un'insalata mista all'interno delle mense scolastiche il consumo di essa è aumentato del 90%, a scapito del poco salutare junk food. Dal punto di vista economico, questo trucco può far aumentare i guadagni di un ristoratore del 30%.

Posizionare bene l'esca...

immagine: Graphic Stock

3 - "Ingannare" sui prezzi: i menù che riportano i prezzi dei cibi senza il simbolo della valuta usata in quel determinato paese aiutano a incassare di più. Pare infatti che simboli come €, £ e $ ricordino pericolosamente al consumatore che sta per spendere del denaro. Su questo stesso principio si basa la tecnica dello scrivere prezzi come 9.95€ (anziché 10€) e di riportare le cifre in lettere anziché in numeri.

4 - Posizionare un'esca: quando si vuole fare in modo che il cliente scelga dei piatti piuttosto che altri è possibile inserire all'interno di una categoria (es. primi piatti) una sola opzione molto costosa accompagnata da portate con prezzo più basso ma simile: in questo modo la nostra mente tende a compiere un paragone che ci fa abbassare la guardia sul valore che attribuiremmo ad esse facendoci apparire il prezzo di suddette portate come "piuttosto ragionevole".

Advertisement

Ogni parte del menù serve uno scopo.

immagine: Wikimedia

5 - Giocare con le abitudini del nostro sguardo: studi passati hanno appurato che per qualche motivo quando rivolgiamo lo sguardo su un qualsiasi foglio di carta scritto la prima parte su cui facciamo cadere l'attenzione è l'angolo in alto a destra: è lì che il ristoratore andrà a posizionare le portate che spera di servire di più (si prosegue poi in senso antiorario con l'angolo in alto a sinistra e quello subito sotto a esso). In questo senso, anche demarcare alcuni piatti con cornici aiuta.

6 - Sfruttare i colori: è risaputo che diversi colori stimolano in noi diversi sentimenti. Pare ad esempio che la migliore combinazione di colori sia rosso + giallo: il primo stimola l'appetito mentre il secondo attira l'attenzione.

Attenzione al linguaggio!

immagine: Graphic Stock

7 - Sfruttare le possibilità della lingua: utilizzare un lessico ricco e dettagliato paga poiché dà al cliente l'impressione che sta ricevendo molto rispetto a quello che gli viene chiesto di sborsare.
8 - Alludere al passato: utilizzare termini che evocano il passato e le tradizioni innescano nel consumatore ricordi felici che lo invogliano a scegliere proprio quella portata lì.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie