Un giovane ha messo in secondo piano le sue credenze religiose per salvare la vita di un bambino - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un giovane ha messo in secondo piano…
Mentre siede al bar con sua figlia, un estraneo la stupisce con un gesto semplice e potente Prima lo usano per le foto, poi lo uccidono: la triste vicenda del giaguaro delle Olimpiadi

Un giovane ha messo in secondo piano le sue credenze religiose per salvare la vita di un bambino

22 Giugno 2016 • di Anna Brunelli
11.324
Advertisement

Il Sikhismo è una religione monoteista indiana fondata nel XV secolo e basata sull'insegnamento di dieci guru. Una delle caratteristiche dei Sikh è l'uso del turbante per gli uomini, che è sacro e deve essere sempre, costantemente indossato in pubblico.

Ecco perché il gesto dello studente Sikh Harman Singh ha fatto il giro del web: il ragazzo si è tolto istintivamente il turbante sacro quando ha visto un'automobile investire un bambino che stava andando a scuola...

Harman era in casa quando ha sentito il rumore di una brusca frenata. Ha guardato fuori dalla finestra e ha visto un bambino disteso sull'asfalto.

immagine: @DrTahirZaidi

Aveva una profonda ferita sulla testa che necessitava di essere tamponata. Non ci ha pensato due volte, ed ha iniziato a slegarsi il turbante...

immagine: dailymail.co.uk

"Ho visto un bambino riverso in strada e una donna che lo teneva. Sanguinava, quindi mi sono tolto il turbante e l'ho messo intorno alla sua testa. In quel momento non ho pensato che non potevo togliermelo in pubblico. Quel bambino stava perdendo molto sangue, e non c'era niente con cui tamponargli la ferita, se non il mio turbante. Ho fatto semplicemente questo: aiutarlo. E credo che chiunque avrebbe fatto la stessa cosa nella mia situazione"

Advertisement

"L'umanità ha trionfato sulla religione", scrive un utente, congratulandosi con Harman per il suo gesto altruista: "Non gli è importato nulla di avere il capo scoperto: l'unica cosa che gli interessava era aiutare il bambino"

immagine: dailymail.co.uk

Dopo l'incidente, i giornalisti di un canale televisivo locale si sono recati a casa del giovane per intervistarlo e non hanno potuto fare a meno di constatare le condizioni umilissime e precarie della casa del ragazzo, che dormiva su un materasso messo a terra. Così, come atto di gratitudine per aver aiutato il bambino, gli sono stati donati dei mobili e un letto. Il giovane ha trattenuto a stento le lacrime.

Il suo gesto ci fa capire che, al di là delle differenze di religione, siamo tutti esseri umani e deve essere sempre la nostra umanità a prevalere sul nostro credo. 

Tags: Salvataggi
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie