Un gruppo di ragazzi insulta la casa di un anziano, ma un passante decide di non restare a guardare - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un gruppo di ragazzi insulta la casa…
Occuparsi dei nipoti riduce il rischio di demenza e Alzheimer negli anziani. Lo dice la scienza! Cani trattati come bambini: esilaranti situazioni in cui l'amore dei padroni si è spinto un po' oltre

Un gruppo di ragazzi insulta la casa di un anziano, ma un passante decide di non restare a guardare

06 Maggio 2016 • di Claudia Melucci
7.821
Advertisement

Josh Cyganik è un ispettore della compagnia ferroviaria Union Pacific dell'Oregon. Un giorno gli capitò di sentire un gruppo di ragazzini criticare pesantemente la casa di un uomo anziano, che Josh incontrava ogni giorno da quattro anni poiché la sua abitazione si trovava a poca distanza dal suo luogo di lavoro. Non aveva mai parlato con quell'uomo 75enne, eppure rimase scosso dalle parole di quei ragazzini. Sentì che doveva fare qualcosa per migliorare la sua qualità della vita.

via: up.com

"Guarda quella casa orrenda! Non dovrebbero fare altro che darle fuoco!", queste le cattive parole che una banda di ragazzini rivolse alla casa di un uomo 75enne.

Josh Cyganik ebbe l'idea di scrivere un post Facebook, in cui chiedere l'aiuto volontario di tutti coloro che fossero interessati a fare una buona azione per una persona anziana.

Advertisement

Le risposte al post superarono le aspettative: Josh si ritrovò a dirigere una squadra di 95 volontari, ognuno con una grande voglia di fare.

Solo in quell'occasione Josh iniziò a conoscere il proprietario della casa: si chiamava Leonard Bullock, ed era in pensione dal 1995. Lui e la moglie ricevevano un sussidio non sufficiente per prendersi cura della casa in cui abitavano.

Dopo l'intervento della squadra capeggiata da Josh, i Bullock adesso possono godersi la vecchiaia in una casa sicura e bella a vedersi, con la certezza che al mondo esistono ancora esseri umani che fanno del bene gratuitamente.

Josh dichiara: "I media mi considerano un eroe, ma io non mi ci sento. Ho soltanto ascoltato delle parole che mi hanno dato fastidio, e ho agito". 

Per quanto l'uomo possa negarlo tuttavia, la sua azione è degna di un vero eroe, di quelli che fanno del bene spontaneamente e gratuitamente, soltanto per vedere stare meglio le persone che ne hanno davvero bisogno.

Al mondo dovrebbero esistere più persone come lui!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie