Chiede alla collega di lavorare al suo posto il giorno di Natale: "tu non hai figli"

di Matteo Cicarelli

10 Dicembre 2022

Chiede alla collega di lavorare al suo posto il giorno di Natale: "tu non hai figli"
Advertisement

Il periodo natalizio è sicuramente un momento di felicità, ma soprattutto non si vede l'ora che arrivi per potersi riposare e passare del tempo con la famiglia. Questo, però, diventa problematico quando si svolge un impiego in cui è necessario lavorare anche nei giorni di festa. In tali casi si cerca di mettersi d'accordo con i colleghi, per fare in modo che ognuno possa festeggiare almeno la vigilia o il Natale con i parenti.

Questa mamma ha deciso di rivolgersi agli utenti del web per sapere se il suo comportamento fosse stato sbagliato, perché ha chiesto alla sua collega di lavorare il giorno di Natale al suo posto, visto che lei non ha figli.

via Jessiejuju/Mumsnet

Pexels - Not the actual photo

Pexels - Not the actual photo

Tutto è iniziato quando sia la protagonista della vicenda che la sua collega hanno chiesto al loro datore di poter avere il giorno di Natale libero. Era necessario che almeno una di loro lavorasse, ma nessuna avrebbe rinunciato alle ferie.

"Io e la mia collega, con la quale vado abbastanza d'accordo, abbiamo chiesto entrambe di avere il giorno di Natale libero, ma il nostro manager ha detto che solo una di noi può averlo, ma soprattutto che lui non si sarebbe messo in mezzo e avremmo dovuto risolvere tra noi la questione. Le ho chiesto di ritirare la richiesta perché lei e suo marito non hanno figli e solitamente festeggiano insieme ai genitori di lui. Invece, io ho un figlio di 4 anni e non so neppure con chi lasciarlo".

La donna sostiene che le dispiace molto chiedere alla collega di lavorare al posto suo, ma questa è l'unica soluzione. Inoltre, il turno è di sole tre ore (dalle 7 alle 10), questo quindi non le impedirebbe di passare comunque la festività con il marito e con i suoceri. "Io non posso lasciare da solo mio figlio tre ore, anche prendessi una babysitter considerando che è un giorno di festa dovrei pagarla tantissimo".

Advertisement
Pexels - Not the actual photo

Pexels - Not the actual photo

Gli utenti del web non hanno preso una posizione ben precisa, c'è chi si è schierato a favore della protagonista della vicenda e chi dalla parte della collega. In molti ritengono che sia sbagliato chiedere che una persona la sostituisca solo perché lei ha un figlio e l'altra no: "oh sì, l'ho dimenticato! Se non hai figli, il Natale e la famiglia non significano assolutamente nulla per te!", "la sua famiglia è altrettanto importante, il Natale non è solo per i bambini" o, ancora, "non puoi presumere che avrai le feste natalizie libere ogni anno". Altri, invece, hanno cercato di dare dei consigli alla donna: "spiegale al meglio la tua situazione, vedrai che capirà. Io al suo posto ti avrei aiutato".

Tu chi pensi abbia ragione?

Advertisement