"Mia moglie è allergica al nostro gatto, le ho detto di trasferirsi dai suoi genitori"

di Cristina Conversano

02 Giugno 2022

"Mia moglie è allergica al nostro gatto, le ho detto di trasferirsi dai suoi genitori"
Advertisement

Chi è un soggetto allergico sa quanto sia fastidioso, a tratti impossibile, convivere con la causa della propria allergia. Starnuti continui, naso che cola, occhi gonfi e un malessere generalizzato che rende difficile anche le azioni più comuni. 

Delle volte, poi, le allergie si sviluppano col tempo e si acuiscono in casi particolari, come, ad esempio, la gravidanza. La storia che stiamo per raccontarvi viene direttamente da Reddit e a renderci partecipi di quanto accaduto è proprio il marito di una donna incinta che, con la gravidanza, ha contratto un'allergia al loro gatto domestico

La donna in dolce attesa ha chiesto più volte al protagonista della vicenda di mandare via il gatto causa del suo disagio, ma l'uomo non sembra affatto convinto a disfarsi del suo amico a quattro zampe.

Come avrà risolto la situazione? Scopriamolo. 

via Reddit

Phxere - Not the actual photo

Phxere - Not the actual photo

"Conosco mia moglie da sette anni, siamo sposati da quattro e lei è incinta di sei mesi del nostro primo figlio" inizia così il post su Reddit, "ho un gatto da 16 anni che ha sempre vissuto in casa con me e mia moglie" aggiunge prima di specificare che la donna, con l'avanzare della gravidanza, ha sviluppato una fastidiosa allergia all'animale. 

"Mia moglie vuole che trovi un'altra casa al mio gatto - ha spiegato l'uomo - ma io non voglio farlo, lui è vecchio, conosce solo me e mia moglie e questo cambiamento potrebbe ucciderlo" prosegue sconsolato. 

Incapace di mandare via il suo peloso amico prova a trovare un compromesso "possiamo trasferirci dai suoi genitori fino alla nascita del bambino e poi se le allergie persistono per lei o per il bambino posso cercare di trovare per il mio gatto una nuova casa" o ancora "potremmo portarlo da mio fratello, che ha vissuto con lui per alcuni anni, ma dobbiamo resistere altre due settimane".

Ma la moglie non ci sta e definendolo un incredibile egoista prende una decisione inaspettata.

Advertisement
Phxere - Not the actual photo

Phxere - Not the actual photo

"Ieri sono tornato a casa dal lavoro e non riuscivo a trovare il mio gatto. Ho chiesto a mia moglie dove fosse e lei mi ha detto, senza esitazione, che l'ha lasciato in un rifugio per animali" racconta l'uomo visibilmente scosso. La moglie si giustifica dicendo che era l'unica soluzione, che lei era incinta e stava male e non poteva continuare a sostenere quella situazione. 

Il padrone del micio, ancora scioccato dalla decisione della donna, è corso al rifugio dove ha scoperto la triste fine del suo compagno a quattro zampe "è stato aggredito da un cane e lo spavento gli ha causato un infarto". 

L'uomo è distrutto dalla fine tragica del suo gatto, ma i commenti sotto il post non sono affatto compassionevoli "stai scegliendo il tuo gatto al posto di tua moglie e del tuo bambino in stato di gravidanza e le stai causando un eccessivo stress. Cosa c'è che non va in te?"

Che sia stato l'uomo la causa indiretta della fine del felino o la donna avrebbe potuto essere più comprensiva? Cosa ne pensate? 

Advertisement