Personal trainer ingrassa di 35 kg: voleva sperimentare ciò che provano i suoi clienti

Lorenzo Mattia Nespoli

13 Dicembre 2021

Personal trainer ingrassa di 35 kg: voleva sperimentare ciò che provano i suoi clienti
Advertisement

Cosa significa provare empatia con qualcuno? Ognuno potrebbe dare una risposta basata sulle esperienze personali a questa domanda, e di certo le declinazioni di questo concetto sono varie e differenti. Il personal trainer statunitense protagonista della nostra storia, tuttavia, ha scelto di mostrare la sua vicinanza ai clienti in un modo davvero particolare, avvicinandosi in maniera esemplare a quello che provano quando decidono di allenarsi e perdere peso.

Cosa ha fatto di tanto speciale? Semplice, e inconsueto allo stesso tempo: ha deciso di prendere oltre 30 kg di peso corporeo per poi perderli nel giro di sei mesi. Un modo davvero unico per intraprendere in prima persona un percorso che, per molti, non è affatto semplice. Sperimentando sulla sua pelle le vicissitudini dei suoi clienti, quest'uomo potrà sapere meglio di tanti altri quali sono i problemi e le difficoltà quotidiane che provano. Scopriamolo più da vicino.

via Drew Manning

Advertisement

Drew Manning ha 40 anni e, prima della sua singolare impresa, era fermamente convinto che alcuni dei suoi clienti fossero piuttosto "pigri" nella loro volontà di perdere peso. Inoltre voleva capire se e quanto l'età influisse sulle capacità di dimagrire. Così ha deciso di provare sulla sua pelle. In sei mesi è ingrassato di circa 35 kg, e poi li ha persi nello stesso lasso di tempo, sperimentando ciò che lui stesso insegna alle persone e documentando tutto nel suo libro "Fit2Fat2Fit".

"Ero convinto che alcune persone usassero la genetica, la costituzione corporea o scuse simili per non impegnarsi abbastanza", ha dichiarato. Nella sua storia da personal trainer, infatti, non sono mancati i fallimenti, ai quali ha voluto rispondere con una prova pratica. Da un giorno all'altro, Manning ha lasciato la palestra e ha cominciato a consumare cibo spazzatura, nutrendosi senza troppe attenzioni con l'obiettivo di guadagnare peso.

Sei mesi e 35 kg di peso dopo, era giunto il momento della prova più dura: dimagrire e tornare allo stato da cui era partito. "Tornare in palestra dopo l'aumento di peso è stato umiliante - ha raccontato - mi sono reso conto che i problemi dei miei clienti sono reali, spesso anche mentali ed emotivi oltre che fisici". Stando a quanto ha riferito, non è stato affatto facile mantenere la giusta determinazione e la giusta fiducia in quello che stava facendo. A quel punto stava davvero sperimentando ciò che provano i suoi clienti.

Advertisement

Drew Manning/Twitter

"Sono rimasto davvero colpito anche da come il mio corpo ha risposto a 40 anni - ha proseguito - l'età è solo un numero, è possibile perdere peso anche quando si invecchia, anche se può essere più difficile". Sebbene la sua impresa sia stata descritta da alcuni esperti come "molto pericolosa", poiché ha creato una sorta di shock improvviso e inaspettato al suo fisico, Manning non si è affatto pentito della sua decisione. "Ho raggiunto un equilibrio tra follia e ispirazione", è stato il suo commento, e ha aggiunto che quest'esperienza gli ha insegnato quanto la perdita di peso sia soprattutto un viaggio mentale.

"Molte persone dovrebbero apprezzare il proprio corpo anche se non è perfetto - ha aggiunto - invece che odiarlo e disprezzarlo per tutta la vita". Voi che ne pensate? Esagerazione o esperimento coraggioso e utile?

Advertisement