Quest'uomo d'affari ha acquistato 200.000 ettari di foresta amazzonica per impedire la deforestazione

di Marcello Becca

06 Gennaio 2022

Quest'uomo d'affari ha acquistato 200.000 ettari di foresta amazzonica per impedire la deforestazione
Advertisement

Si chiama Johan Eliasch, è svedese, è milionario e ha comprato quasi 200.000 ettari di foresta amazzonica. Ha pagato questi soldi a una società brasiliana di disboscamento. Perché? Solo per impedire il disboscamento di questa preziosa area.
Eliasch vuole cercare di opporsi all'abbattimento indiscriminato degli alberi del polmone verde più importante per il Pianeta. Un intervento concreto per impedire un disastro causato dall’avidità e dall’incuria degli uomini.

via The Guardian

Julia Moraes Wikipedia

Julia Moraes Wikipedia

“Non ne potevo più di sentire parlare i politici e di vedere che non facevano nulla!”. Con queste parole, il milionario svedese Johan Eliasch ha annunciato di aver acquistato  quasi 200.00 ettari di foresta Amazzonica. Si tratta di una notizia che è stata commentata molto positivamente su tutti i social: finalmente qualcuno che fa qualcosa in modo concreto per il pianeta. Difatti, questa foresta nel cuore del Sud America è ufficialmente riconosciuta dal mondo occidentale come la zona con il biosistema fondamentale per la protezione del clima e la riduzione del cambiamento climatico del Pianeta.

È sconvolgente sapere che in media ogni anno una superficie di foresta tropicale pari a 12.000 chilometri quadrati viene distrutta a causa della deforestazione. Solo nel territorio brasiliano si stima una perdita della foresta pluviale equivalente a oltre tre campi da calcio al minuto! È stato calcolato che nel 2030, il 27% dell’Amazzonia sarà senza alberi con un danno ambientale di proporzioni indescrivibili.



Advertisement
Neil Palmer Wikipedia

Neil Palmer Wikipedia

Visto tutto questo, Johan Eliasch ha deciso di fare qualcosa da solo. Non si fida più dei politici che parlano, negoziano, cercano alternative e alla fine non risolvono - a suo parere - nulla. Ecco perché ha scelto di mettersi in gioco con il suo capitale. Quello che ha fatto è stato comprare il terreno di una società di legname. Una volta acquisita quella terra, ha proceduto alla chiusura di tutte le attività di disboscamento. In questo modo, la vita di centinaia di alberi è stata salvata.

È interessante notare che le sue azioni sono entrate in conflitto con alcuni popoli indigeni. I nativi non vogliono che gli stranieri posseggano terre che considerano loro. Questo ha comportato dei fitti negoziati anche con le popolazioni residenti. Ma tutto questo non ha fermato l’impetuoso Eliasch, che ora sta cercando di capire come far sì che queste terre possano essere redditizie in armonia con l’ambiente naturale di tutto il nostro pianeta.

 

Advertisement