Mamma esausta scrive una lettera al marito chiedendo aiuto con i figli: "voglio solo dormire un po'" - Curioctopus.it
x
Mamma esausta scrive una lettera al…
Come due gocce d'acqua: 16 persone che assomigliano in modo incredibile ai loro parenti Ristrutturano casa e trovano 80.000 api e 45 kg di miele nel muro della doccia

Mamma esausta scrive una lettera al marito chiedendo aiuto con i figli: "voglio solo dormire un po'"

19 Dicembre 2021 • di Marcello Becca
2.658
Advertisement

Una blogger chiamata Celeste Yvonne ha due figli (un neonato e un piccolo di due anni) e, sentendosi esausta, ha deciso di chiedere aiuto a suo marito.

Come? Scrivendo una lettera aperta sui social per fargli sapere quanto fosse frustrata da tutte le responsabilità che doveva sostenere. Una lettera che forse può non aver giovato al rapporto di coppia, ma che ha coinvolto un gran numero di madri sovraccariche di lavoro in tutto il mondo.


I love to make fun of my kids constantly vying for my attention. That they will run right past daddy on the couch to...

Pubblicato da Celeste Yvonne su Venerdì 22 febbraio 2019

Crescere un figlio non è un compito facile, come ogni genitore può confermare. Occorre una buona dose di sacrificio, di altruismo e abnegazione. I primi anni, poi, sono particolarmente difficili perché i bambini dormono poco e hanno molte esigenze. E purtroppo, sono spesso le mamme, più che i papà, a sopportare il peso di questa responsabilità.

Ne sà qualcosa una blogger molto popolare in rete, chiamata Celeste Yvonne, che ha due figli piccoli. Questa donna, sentendo tutto il peso della famiglia gravarle addosso, ha fatto quello che tante altre donne fanno in questa situazione: chiedere un maggior aiuto da parte del proprio partner. 

In genere, si tratta di un argomento privato che si discute a cena o in un momento intimo. Al contrario, Celeste ha reso pubblica questa problematica e l’ha condivisa con tutti i suoi follower scrivendo una lunga lettera aperta in rete al suo compagno.

 

Ecco alcuni passaggi della lettera che ha scritto:

"Caro marito, aiutami. Ieri sera è stata dura per te. Ti ho chiesto di guardare il bambino per poter andare a letto presto. Il bambino piangeva. Piangeva, davvero tanto. Potevo sentirlo dal piano di sopra e il suono riusciva a fare male al mio stomaco e mi chiedevo se dovevo scendere giù e darti il cambio, oppure chiudere la porta per poter dormire un po'. Ho scelto il riposo. Sei entrato nella stanza 20 minuti dopo, con il bambino che ancora piangeva. Lo hai messo nella culla e lo hai spinto delicatamente vicino al mio lato del letto, un modo per dirmi che non lo avresti più accudito".

"Avrei voluto urlare - si legge ancora nella lettera di Celeste - avrei voluto scatenare una litigata epica. Avevo accudito la bambina e il bambino per tutto il maledetto giorno. Mi sarei svegliata con il bambino per dargli da mangiare per tutta la maledetta notte. Il minimo che avresti potuto fare era quello di tenerlo per un paio d'ore la sera per darmi la possibilità di farmi dormire. Solo qualche ora di sonno prezioso. È troppo da chiedere?

La mia responsabilità di occuparmi dei pranzi della famiglia, tenere pulita la casa e prendermi cura dei bambini viene assunta, anche quando torno al lavoro. E, in verità, voglio farlo. Senza offesa, ma non sono sicura di voler sapere come come mangeremmo se ti lasciassi una settimana a capo della nostra cucina. Vedo che le mie amiche e le altre mamme riescono a fare tutto, e lo fanno bene. Se loro ci riescono, e se le nostre madri lo hanno fatto così bene per noi, perché io no?

Una parte di me si sente un fallito anche solo per aver chiesto aiuto. Voglio dire, tu mi aiuti. Sei un padre fantastico e fai un ottimo lavoro con i bambini. E poi, questo dovrebbe venirmi facile, giusto? Istinto materno, no? Ma sono umana, e sto affrontando tutte le sfide della vita avendo alle spalle solo cinque ore di sonno. Così sono stanca morta. Ho bisogno di te. Nei fine settimana, ho bisogno di più pause. Ho bisogno di un po’ di tempo per uscire di casa da sola e sentirmi un individuo. Anche se è solo una passeggiata o un viaggio al supermercato. Ho bisogno che tu ti offra di darmi una mano. O che mi suggerisca di andare a sdraiarmi durante il pisolino dei bambini. O che inizi a mettere via i piatti senza che io te lo ordini. Ho bisogno di te. Infine, ho bisogno di sentire che mi sei grato"

Questa lettera ha emozionato moltissime madri che hanno sostenuto Celeste in questo momento duro anche se bello. 

 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie