"Sei troppo grassa, brutta e povera": bimba di 9 anni non viene invitata dai coetanei

Lorenzo Mattia Nespoli image
di Lorenzo Mattia Nespoli

27 Novembre 2021

"Sei troppo grassa, brutta e povera": bimba di 9 anni non viene invitata dai coetanei
Advertisement

Quando assistiamo a episodi di cattiverie, esclusioni e offese ai danni di bambini come quello che stiamo per raccontarvi viene proprio da pensare che, purtroppo, non è mai troppo presto per avere a che fare con problemi simili. A soli 9 anni, infatti, la protagonista della vicenda è stata costretta a subire un vergognoso rifiuto dai suoi coetanei, motivato - per modo di dire - dal suo aspetto fisico.

A rendere noto quanto accaduto è stata la madre, affranta ma allo stesso tempo motivata a sensibilizzare più persone possibili sul tema del bullismo e degli episodi che possono segnare profondamente la crescita di un bambino. Nonostante oggi si provi a contrastare tali fenomeni con più decisione, sembra proprio che certi atteggiamenti fatichino a venire meno. Scopriamo più da vicino cosa è successo.

via Love What Matters

nicolesearching/Instagram

nicolesearching/Instagram

"È troppo grassa, troppo brutta, troppo povera, disordinata, selvaggia, stupida, rumorosa e selvaggia". Per questo, un gruppo di bambini, coetanei di una bimba di 9 anni, l'ha di fatto esclusa da una situazione in cui sarebbero stati tutti insieme. Impossibile che delle creature così piccole possano arrivare a tali livelli di cattiveria? Assolutamente no, perché è proprio quello che è accaduto.

Le prese in giro, gli scherzi, le battute sull'aspetto fisico, per la piccola, sono tristemente all'ordine del giorno, al punto che la bimba è arrivata ad essere esclusa e rifiutata. "Ha nove anni ma ha già imparato come ci si sente di fronte alla negatività del mondo - ha affermato rattristata sua madre Nicole sul blog Love What Matters - queste cose ti spezzano il cuore, e noi, in quanto genitori, dobbiamo cercare di cancellare l'odio, coltivando invece fiducia e resilienza nel cuore dei nostri bambini".

Advertisement

La donna, dunque, non ha utilizzato mezze misure. Atti di discriminazione come quelli subiti da sua figlia non dovrebbero mai essere sperimentati da nessuno, e per questo è fondamentale prendere la parola senza paura e agire affinché tutti possano rendersi conto di quello che accade e dell'importanza di educare i più piccoli a non lasciarsi trasportare da tali comportamenti. La lotta al bullismo, in fondo, è fatta anche di tristi e scomode verità come le esatte parole pronunciate da persone insensibili e ingiuste.

Non ci resta che sperare che la figlia di Nicole possa fare tesoro anche di queste esperienze negative per reagire, fortificarsi e credere in se stessa, nonostante tutto e tutti. Di certo, in questo sua mamma la aiuterà, ma l'impegno affinché ciò non accada può e deve essere costante e di tutti.

Advertisement