Parcheggia l’auto in divieto di sosta e ostacola il lavoro di una squadra di operai: loro si vendicano - Curioctopus.it
x
Parcheggia l’auto in divieto di sosta…
L'affascinante viaggio di un branco di elefanti selvatici: riposano dopo aver percorso 500 km

Parcheggia l’auto in divieto di sosta e ostacola il lavoro di una squadra di operai: loro si vendicano

10 Giugno 2021 • di Irene Grazia Paladino
3.830
Advertisement

Vendicarsi di una persona che ha fatto un torto può essere utile? Sicuramente no: mettere in atto un piano di vendetta non aiuta ad eliminare il problema che è stato creato, però può essere utile per dare una lezione a chi non è in grado – o semplicemente non vuole – rispettare le altre persone e il loro lavoro. Ti raccontiamo una vendetta messa in atto da alcuni operai che, infastiditi dalle continue mancanze di rispetto di una donna, hanno deciso di impartirle una lezione.

A raccontare la storia su Reddit è il caposquadra edile:

"Lavoro nell'edilizia come caposquadra per la costruzione di una nuova casa. Questa casa è inerpicata su una collina e si può raggiungere solo tramite un sentiero a piedi. Tutti i nostri materiali devono salire a mano su questo sentiero, quindi è molto dura per noi. Una delle nostre salvezze è avere i due parcheggi sulla strada ai piedi della collina, contrassegnati dai segnali ufficiali di divieto di sosta. Purtroppo c'è una scuola elementare a circa mezzo isolato di distanza e i genitori dei bambini sembrano pensare spesso che sia giusto parcheggiare nei nostri posti. Mi considero una persona ragionevole, quindi se qualcuno ha parcheggiato nei posti e non abbiamo una consegna o la necessità di parcheggiare un camion va bene, se abbiamo bisogno dei posti e c'è qualcuno parcheggiato lì, però, chiedo loro di spostarsi e il più delle volte lo fanno immediatamente. Ma non oggi.

L'uomo continua:

"Ricevo una telefonata dal camion per la consegna di legname e dice che arriverà tra due o tre minuti. Gli faccio sapere che lo incontrerò per strada e mi assicurerò che abbia spazio per parcheggiare. Naturalmente non volevo che parcheggiasse in mezzo alla strada quando abbiamo un ottimo parcheggio per lui. Mentre scendo per la collina, noto che c'è un genitore della scuola seduto nella sua macchina; supponendo che stia solo aspettando di prendere suo figlio, mi avvicino alla sua macchina e le faccio gentilmente sapere che è parcheggiata in un'area riservata e abbiamo davvero bisogno che lei la liberi per parcheggiare il camion in arrivo. Lei mi risponde, "Ci metterò solo pochi minuti e il tuo camion non è qui, stai calmo!" Prima che io possa rispondere, un gigantesco camion di legname gira l'angolo e io lo saluto con la mano, poi faccio un gesto verso di lui alla donna in macchina che ora ha rialzato il finestrino per ignorarmi, poi il camion si ferma accanto alla sua auto e le chiedo di nuovo gentilmente, con un tono di voce più forte, di spostare il suo veicolo, ricordandole che è parcheggiata in una zona rimozione. Poi mi viene un'idea geniale: chiedo all'autista delle consegne di parcheggiare il più vicino possibile a lei e di bloccarla ed "imprigionarla" tra due posti auto. Quando la donna si accorge di essere stata bloccata, prende il bambino e poi inizia a rendersi conto che non ha modo di andarsene. Lei si precipita da me e dice: "Ho molta fretta, devi spostare il tuo dannato camion adesso così posso andare." Prima che io possa rispondere, l'autista risponde: "Signora, per scaricare il legname dal camion abbiamo dovuto toglierlo dalla cinghia e, in base alla nostra politica aziendale, non sono autorizzato a spostare il camion con carico non protetto su di esso. Mi scusi!"

Lei urla e torna precipitosamente alla sua macchina e con rabbia si arrampica di nuovo attraverso la portiera del passeggero e si siede sul sedile del guidatore. A questo punto l'ufficiale di polizia che era intervenuto si è avvicinato a me e all'autista ma, prima ancora che possa presentarsi, la mamma in macchina mette la retromarcia e schiaccia il gas, si schianta contro il camion, poi cerca di salire sul marciapiede e guidare da lì. L'ufficiale, io e l'autista fissiamo increduli la scena mentre lei arriva a metà del marciapiede e rimane bloccata, dopodiché l'agente si avvicina prontamente alla portiera dell'auto e le ordina di uscire: la donna non si era resa conto di aver fatto tutto davanti ad un ufficiale della polizia!

Nel frattempo, i miei ragazzi finiscono di spostare il resto del legname mentre la donna è stata arrestata, accusata di Child Endangerment, (suo figlio era nel retro dell'auto per tutto il tempo), guida spericolata, distruzione di proprietà (il retro del camion) e guida con patente sospesa. Oltre a tutto ciò, la macchina è stata rimorchiata, e il bambino è andato a casa con sua nonna mentre lei è andata a passare un po' di tempo in una cella"

La situazione è sicuramente precipitata, la donna avrà imparato a rispettare il lavoro altrui e a non parcheggiare dove non si può?

 

Tags: AssurdiStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie