Donna va alla ricerca di crostacei e scopre "l'impronta di dinosauro più grande di sempre" - Curioctopus.it
x
Donna va alla ricerca di crostacei e…
Mimetizzazione perfetta: 15 volte in cui persone, oggetti e animali si sono confusi con lo sfondo Insultano una coppia gay ma il karma li colpisce all'istante: la loro barca prende fuoco

Donna va alla ricerca di crostacei e scopre "l'impronta di dinosauro più grande di sempre"

05 Giugno 2021 • di Irene Grazia Paladino
1.528
Advertisement

È vero che alcune, o forse la maggioranza, delle scoperte più significative avvengano per caso, ma quante probabilità ci sono che – svolgendo un’azione abituale – ci si imbatta inaspettatamente in qualcosa di stupefacente? Non molte, e Marie Wood ha fatto una scoperta che non avrebbe mai immaginato di poter fare: si trovava nella costa dello Yorkshire alla ricerca di crostacei e molluschi, nella speranza di trovare qualcosa per arricchire la sua cena, e si è imbattuta in un’impronta di dinosauro.

via: BBC
immagine: MariEWood/Twitter

Marie, che è un'archeologa, ha detto: "Tutto quello che volevo fare era prendere dei crostacei per la mia cena e ho finito per imbattermi in questo. Ho mostrato ad alcuni amici paleontologi quello che avevo trovato e nessuno di loro l'aveva mai visto. È davvero emozionante." Sì, perché non si tratta solo di un’impronta di dinosauro, ma dell’impronta di dinosauro più grande mai trovata nella costa. Le dimensioni dell’impronta, in cui si possono riconoscere tre dita, sono infatti davvero impressionanti.

Dopo la scoperta, Marie ha contattato diversi specialisti, tra cui il paleontologo Dr. Dean Lomax, autore di Dinosaurs of the British Isles. Quest’ultimo dice che il dinosauro era un vero gigante giurassico – sicuramente carnivoro - ed è certo che si tratta della "più grande impronta di teropode mai trovata nello Yorkshire". Gli esperti credono anche che il dinosauro sia vissuto tra 164 e 175 milioni di anni fa e sostengono che si tratti della scoperta più significativa nell'area dal 2006.

Advertisement

Il paleontologo Lomax ha anche aggiunto che la scoperta di Marie Wood è, in realtà, una riscoperta: nel novembre del 2020, infatti, la stessa impronta era stata avvistata dal collezionista di fossili Rob Taylor. Quest’ultimo ha pubblicato le foto del ritrovamento in un gruppo Facebook dedicato proprio ai fossili dello Yorkshire. All’epoca, però, l’importanza della scoperta del signor Taylor non era stata del tutto compresa. L’impronta si trova in uno stato fragile e, a causa della stretta vicinanza con l’acqua, rischia di essere persa in mare. Gli esperti si stanno quindi mettendo a lavoro per recuperare l’impronta e, in caso di successo, questa verrà esposta al Rotunda Museum di Scarborough.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie