Paga lo stipendio ai dipendenti durante la pandemia ma scopre che avevano già trovato un altro lavoro

di Irene Grazia Paladino

09 Marzo 2021

Paga lo stipendio ai dipendenti durante la pandemia ma scopre che avevano già trovato un altro lavoro
Advertisement

L’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus ha messo in difficoltà moltissime persone, sia imprenditori che dipendenti: molti imprenditori sono stati costretti a chiudere la loro attività e molti dipendenti hanno perso il lavoro. Nonostante la chiusura forzata della sua attività, Tito Loizeau ha continuato a pagare lo stipendio ai suoi 20 dipendenti per 11 mesi, pur non ricevendo alcun guadagno, credendo che ne avessero bisogno. Il giorno in cui li ha chiamati per tornare a lavoro, ha scoperto però che 14 dipendenti lavoravano altrove già da tempo continuando a percepire lo stipendio dato da Tito. L’imprenditore, deluso e amareggiato, racconta di essersi sentito ingannato.

via entrepreneur.com

Tito Loizeau/Facebook

Tito Loizeau/Facebook

Tito è il proprietario di un ristorante-bar a tema cinematografico in Argentina: il locale si chiama El Capitan e si trova all’interno del centro commerciale Norcenter, accanto al cinema Showcase. A seguito delle disposizioni e dei vincoli dettati della pandemia, il locale è rimasto chiuso per quasi un anno. Nonostante quindi Tito non avesse alcun entrata dalla sua attività, ha continuato a pagare lo stipendio dei suoi 20 dipendenti, sicuro che ne avessero bisogno. Per decreto il governo non ha consentito agli imprenditori di licenziare o sospendere i dipendenti così, con l’aiuto dello Stato, Tito è riuscito a ricevere il denaro per coprire il 50% delle spese degli stipendi, mentre l’altro 50% delle spese le ha affrontate da solo.

Advertisement
Tito Loizeau/Facebook

Tito Loizeau/Facebook

Dopo quasi un anno di chiusura per quarantena, il governo ha deciso di consentire la riapertura del cinema e così Tito ha potuto rimettere in moto la sua attività. Quando ha chiamato i suoi dipendenti, chiedendogli di tornare a lavorare, ha scoperto che 14 di loro erano già impegnati altrove da tempo. Su Twitter Tito si è dimostrato amareggiato, e non solo perché stava continuando a pagare delle persone che avevano già un reddito, ma perché queste persone hanno tradito la sua fiducia. Pensava di aver creato un sincero legame con i suoi dipendenti, ma è rimasto profondamente deluso nel rendersi conto di essersi sbagliato. Tito dichiara di non voler intraprendere delle azioni legali, ma spera di ricevere delle scuse e delle dimissioni formali da ciascuno di loro. Proverà a dimenticare ciò che è successo e offrirà il posto di lavoro a persone che hanno davvero bisogno della sua entrata.

Advertisement