Una donna dà alla luce il nipote facendo da madre surrogata per il fratello gay - Curioctopus.it
x
Una donna dà alla luce il nipote facendo…
Le vecchie cabine da sci diventano sale da pranzo private e sicure ai tempi del Covid

Una donna dà alla luce il nipote facendo da madre surrogata per il fratello gay

02 Marzo 2021 • di Irene Grazia Paladino
3.134
Advertisement

Ci sono coppie che desiderano ardentemente diventare genitori ma non possono farlo biologicamente. Anthony Deegan e il partner Ray Williams sono una di quelle coppie: il loro più grande desiderio era quello di allargare la propria famiglia, ma gli ostacoli che hanno dovuto affrontare prima che il loro sogno si avverasse sono stati davvero tanti. La coppia, residente a Manchester nel Regno Unito, per più di un anno ha cercato invano di trovare la giusta donna che facesse loro da madre surrogata. Quando stava per perdere le speranze, la sorella di Anthony – Tracey – si è fatta avanti e si è offerta di dare alla luce il loro bambino.

via: dailymail

Anthony e Ray hanno cercato una madre surrogata per anni, affidandosi ad un’associazione, ma non ha mai trovato la persona giusta. Tracey ha 42 anni e, nonostante sia già madre di 6 figli e avesse dovuto quindi affrontare diverse gravidanze, ha deciso di aiutare il fratello a diventare padre. La coppia non aveva mai considerato questa possibilità: non voleva dare un peso alla donna che aveva già affrontato 6 gravidanze, ma la decisione è nata proprio da Tracey. “Lo avevo già proposto due volte, ma ne avevano riso… Dopo la terza volta, ho detto loro che volevo davvero portare il loro bambino”.

Il marito di Tracey era riluttante, pensava che la donna fosse ormai troppo vecchia per portare avanti un’altra gravidanza, ma la coppia ha accettato e questo ha significato molto per Tracey: suo fratello si fidava di lei. È iniziata così l’avventura di questa famiglia, che ha dovuto affrontare anche spinose questioni economiche: la coppia ha infatti chiesto un prestito per finanziare tre cicli di fecondazione in vitro e, fortunatamente, alla fine del terzo ciclo Tracey è rimasta incinta.

Advertisement

Per la fecondazione in vitro si sono usate due donatrici anonime di ovociti e gli spermatozoi di entrambi i genitori, che hanno scelto di non sapere chi dei due fosse il padre biologico del piccolo Theo: entrambi, infatti, si considerano papà a pieno titolo.

Anthony commenta la vicenda: "Non possiamo dare un prezzo a ciò che Tracy ha fatto per noi. Siamo così orgogliosi di lei per essere intervenuta in questa situazione aiutandoci a realizzare il nostro sogno di creare una famiglia!". Sia la gravidanza che il parto sono andati benissimo e Anthony e Ray non potrebbero essere più felici di avere Theo nelle loro vite.

 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie