Un'auto gli occupa il parcheggio riservato per giorni: lui trova il modo di fargli fare ben 18 multe salate - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un'auto gli occupa il parcheggio riservato…
Un uomo single e gay abbandona tutto per adottare una bimba che aveva vissuto un anno da sola in ospedale 15 esempi di design così assurdi che fatichiamo a credere siano stati realizzati veramente

Un'auto gli occupa il parcheggio riservato per giorni: lui trova il modo di fargli fare ben 18 multe salate

24 Febbraio 2021 • di Lorenzo Mattia Nespoli
3.430
Advertisement

Trovare un parcheggio sotto casa o vicino al lavoro può trasformarsi in un vero incubo. Lo sanno bene tutte quelle persone che quotidianamente fanno i conti con il traffico caotico delle loro città e con zone particolarmente congestionate, in cui un posto comodo è una sorta di miraggio. 

E ne sa qualcosa anche l'uomo inglese di cui stiamo per parlarvi. Sulla piattaforma social Reddit, questo impiegato ha raccontato la sua disavventura di parcheggio, che però, grazie a una sua trovata tanto ingegnosa quanto vendicativa, si è trasformata in una brutta esperienza per chi aveva mancato completamente di rispetto ai suoi spazi. Una storia che descrive uno spaccato da vera "giungla urbana".

via: Daily Mail

Stando a quello che ha raccontato, l'utente Reddit Goalnado lavora per una piccola ditta nella zona nord di Londra, un quartiere molto caotico con i classici problemi di parcheggio di ogni città. Per circa 1.600 euro l'anno, l'impiegato ha un posto affittato e riservato in un piccolo garage. Tutto bene, fino a quando un giorno, arrivando a lavoro, non ha trovato un'auto sconosciuta che occupava senza permesso il suo posto.

E la cosa è andata avanti per giorni, senza che potesse mai sapere chi fosse il proprietario: quando arrivava la macchina era già lì, e così anche quando andava via. A nulla sono serviti i vari messaggi lasciati sul vetro dell'auto: li trovava sempre strappati in terra. Dopo 10 giorni trascorsi in questo modo all'utente Reddit si è presentata una ghiotta occasione di vendetta.

Uno dei suoi colleghi sarebbe stato in congedo paternità per due settimane, e suo fratello sarebbe andato in vacanza in Canada per un mese. Un parcheggio, dunque, si sarebbe liberato, e l'auto di suo fratello sarebbe rimasta inutilizzata a casa. Partendo da queste considerazioni, è bastato poco per tirare le somme.

"Un venerdì sera ho aspettato fino a tardi - si legge nel suo post su Reddit - e ho parcheggiato l'auto di mio fratello dietro al mio posto, bloccando l'auto dello sconosciuto". "Poi ho telefonato alla società che gestisce il parcheggio e ho registrato la targa di mio fratello - ha continuato - per assicurarmi che la sua macchina non sarebbe stata multata. Inoltre ho segnalato l'auto in divieto". A quel punto, per lo sconosciuto abusivo del parcheggio, è iniziata la vera disavventura.

Advertisement

L'auto che lo bloccava era parcheggiata legalmente, mentre la sua no. Dopo aver ricevuto la prima multa (circa 115 euro), l'uomo non ha potuto rimuovere la macchina. Così, nei giorni successivi, ha ricevuto altre multe per divieto di sosta in quell'area riservata. In totale, i verbali sono stati ben 18, per oltre 2.000 euro da pagare: l'auto del fratello dell'impiegato è rimasta lì per un mese, impedendo allo sconosciuto di muoversi. L'utente Reddit, nel frattempo, ha ripetutamente ignorato le richieste dell'uomo, che ripetutamente ha cercato di risalire al proprietario dell'auto che lo bloccava.

Il divertimento, per lui, è finito quando il fratello è tornato dal Canada. L'auto è stata rimossa e, come per magia, nessuno ha più parcheggiato sul suo posto.

Che ne pensate del piano escogitato da quest'uomo? Reazione esagerata o giustificata?

Tags: WtfCuriosiStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie