Pensava che la cliente fosse incinta, così le serve cocktail analcolici a sua insaputa: la cameriera viene punita - Curioctopus.it
x
Pensava che la cliente fosse incinta,…
18 illustrazioni che lasciano il segno, ideali per riflettere su problemi e contraddizioni della nostra società Va all'univesità e chiede ai genitori di badare al suo gatto: loro lo danno via senza dirgli nulla

Pensava che la cliente fosse incinta, così le serve cocktail analcolici a sua insaputa: la cameriera viene punita

31 Gennaio 2021 • di Irene Grazia Paladino
6.031
Advertisement

È corretto assumere alcol in gravidanza? Abbiamo sentito spesso come, in gravidanza, sia meglio astenersi dal consumo di alcol, in quanto è difficile calcolarne le conseguenze che potrebbe avere sul nascituro. Questa storia nasce proprio dalla domanda che la cameriera (o una cameriere) di un ristorante si è posto: è giusto che io serva cocktail alcolici ad una donna presumibilmente incinta? A raccontare la storia e la sua versione su Reddit è proprio la cameriera, anche se non siamo sicuri che sia una donna, che dice:

via: The Sun

“Ho servito i tavoli negli ultimi tre anni. Durante il mio turno di ieri sera, è entrato un gruppo di quattro donne sulla ventina. È stato un piacere averle come clienti. Hanno ordinato quattro dei nostri cocktail della casa per cominciare e poi hanno esaminato il menu per i loro antipasti. Quando stavo tornando al loro tavolo con le bevande su un vassoio, sono passata sul retro e ho sentito una di loro parlare di come lei avesse 14 settimane. Quando sono tornata indietro, stavano parlando dello stesso argomento ed era chiaro per me che era incinta. Ho pensato che bere un drink non fosse un grosso problema. Hanno ordinato i loro antipasti e sono andata a gestire altri tavoli."

"Circa cinque minuti dopo, mi hanno chiamata di nuovo e hanno chiesto un altro giro. A questo punto ho iniziato a preoccuparmi, ma ho preso l'ordine e ho detto allegramente che sarei tornata subito. Questa volta sono andato dal barista e gli ho chiesto di fare un cocktail analcolico. Era confuso ma, siccome è un mio buon amico, gli ho detto di fidarsi di me."

Advertisement

"Qualche cocktail dopo (il suo rigorosamente analcolico) hanno iniziato a diventare turbolente, e anche la signora incinta si stava divertendo. Ho pensato che, dato che non si era accorta di nulla, le cose andassero bene. Il problema è venuto quando ho portato loro il conto e mi hanno chiesto di dividerelo alla cassa. Quando la signora incinta è arrivata al bancone, ho visto i suoi cocktail contrassegnati con “vergine”. Il mio barista aveva modificato ciascuno nel sistema per l'inventario. Era troppo tardi per modificarli di nuovo, quindi le ho fatto pagare, sperando che non guardasse la ricevuta. Tutti mi hanno ringraziata e se ne sono andati, lasciando una generosa mancia."

"Alcuni minuti dopo la signora incinta è tornata e ha chiesto cosa significasse “vergine” sulla ricevuta. Dissi che significava analcolico. Mi fissò per qualche secondo e poi mi chiese se avesse ordinato un cocktail analcolico. Le ho detto di no, ma le ho detto che pensavo che ne volesse uno visto che era incinta. […] Poi ha parlato con la mia manager. Lei mi ha portato nel suo ufficio e mi ha letteralmente urlato contro. Ho mantenuto la mia posizione e mi ha detto che mi avrebbe tolto dal calendario finché non avesse deciso cosa fare di me. Mi ha anche informato che avrei potuto mettere il ristorante in guai seri per discriminazione."

La donna era quindi incinta o no? Non lo sappiamo. La cameriera ha agito in buona fede, ma è giusto che abbia tolto alla donna la possibilità di scelta, modificando il suo ordine?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie