La strategia di Steve Jobs per ottenere dai dipendenti risposte brutalmente oneste: bastano 2 domande - Curioctopus.it
x
La strategia di Steve Jobs per ottenere…
Australia, trovato un raro opale turchese all'interno del legno pietrificato: è di un fascino surreale 20 foto di eleganti e giganteschi gatti Maine Coon davanti ai quali ci sentiamo tutti un po' più piccoli

La strategia di Steve Jobs per ottenere dai dipendenti risposte brutalmente oneste: bastano 2 domande

16 Gennaio 2021 • di Irene Grazia Paladino
3.128
Advertisement

Steve Jobs è considerato un maestro sotto diversi punti di vista: oltre ad essere ammirato e apprezzato per le sue capacità professionali, è ammirato tutt’ora per le sue doti da leader e per il valore che attribuiva alla brutale onestà. Non solo, quindi, era brutalmente onesto con i suoi dipendenti ma pretendeva che loro fossero altrettanto sinceri con lui. Questo significava anche sapere quali erano gli aspetti negativi del lavoro in azienda oppure cosa stava andando storto in un preciso momento.

via: Medium

Come faceva ad ottenere questa sincerità? Spesso per paura, per disagio o per soggezione nei confronti del capo non si riesce a dire tutto ciò che si pensa. Steve Jobs ha provato a porre rimedio a queste dinamiche facendo ai suoi dipendenti delle domande a cui era impossibile rispondere con semplici “sì” o “no” ma a cui era necessario dare risposte ragionate. A riportare la tecnica è Andy Raskin, esperto di narrazione della Silicon Valley, il quale ha sentito parlare della tecnica in modo insolito: ha sentito un CEO anziano a raccontare ad un CEO giovane la tecnica di Steve Jobs.

Questa tecnica è stata sviluppata da Jobs negli anni ’80, quando si divideva tra Apple e Pixar: non aveva tempo e necessitava di feedback onesti e tempestivi. Organizzava quindi sessioni con tutti i diversi team. Durante ogni sessione indicava una persona e diceva: “Dicci cosa non funziona alla Pixar”, poi chiedeva ad altre persone se erano d’accordo con l’affermazione del collega e indicava un’altra persona chiedendo invece cosa funzionasse. Jobs avrebbe poi alternato le due domande fino ad avere il quadro completo della situazione. 

Formulazioni come “avete domande?” oppure “avete suggerimenti per apportare miglioramenti?” spesso si concludono con semplici “sì” o “no” che non hanno il potere di portare valore e feedback reali mentre Jobs era riuscito a mettere a punto una tecnica valida ed efficace. Ne hai mai sentito parlare?

Tags: CuriosiGuideStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie