Questa giovane indigena ha portato lo smartphone nella sua tribù per mostrare la vita nella foresta amazzonica - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Questa giovane indigena ha portato lo…
15 trovate geniali che le persone hanno messo in atto per rispettare l'obbligo del distanziamento sociale 13 donne che si sono prestate ad una seduta di make up e che possono dirsi del tutto soddisfatte del risultato

Questa giovane indigena ha portato lo smartphone nella sua tribù per mostrare la vita nella foresta amazzonica

10 Novembre 2020 • di Lorenzo Mattia Nespoli
4.653
Advertisement

In un mondo dove ormai la tecnologia è presente e diffusa in ogni ambito della vita quotidiana, a molti potrebbe sembrare strano pensare che esistono ancora realtà in cui uno smartphone è una sorta di oggetto semi-sconosciuto, una "meraviglia" elettronica di cui si può benissimo fare a meno. In effetti, nei luoghi più remoti del Pianeta, dove da sempre vivono comunità indigene e tradizionali, la tecnologia e tutt'altro che scontata, per motivi che spaziano da quelli economici alla necessità di preservare la cultura originaria.

È così anche per i Tatuyo, una popolazione indigena dell'Amazzonia colombiana. In questa comunità, però, c'è una persona che, proprio grazie a un telefono di ultima generazione, ha deciso di andare oltre le barriere che spesso esistono a causa dell'emarginazione dei gruppi come il suo. Si chiama Maira, ed è una sorta di "influencer" indigena.

Maira Godinho ha 21 anni, e non potrebbe essere più orgogliosa di far parte dei Tatuyo, la "gente celeste". Di sicuro, scattare foto e postarle sui social network non è una pratica che assoceremmo a una ragazza indigena, eppure Maira fa proprio questo, e in breve tempo le sue testimonianze della vita tribale sono diventate seguitissime in tutto il Pianeta.

Valorizzare e documentare la diversità: questo è l'intento primario di Maira che, smartphone alla mano, ha deciso di mostrare al mondo la bellezza del suo popolo e della sua cultura, un gruppo etnico che - come tanti altri - spesso è stato oggetto di discriminazioni, critiche e pregiudizi. E, con oltre 2 milioni di followers, possiamo dire che questa originalissima "influencer" indigena è riuscita nel suo intento.

Advertisement

Cunhaporanga - così è conosciuta sui social - sta letteralmente abbattendo le barriere, mostrando i luoghi, i volti, i sorrisi e le attività della sua gente e regalando a tutti uno spaccato preziosissimo su suo stile di vita.

Diplomata alle scuole superiori e dedita all'agricoltura e all'artigianato, Maira è riuscita a farsi aiutare dal fratello a installare un'antenna satellitare grazie alla quale può connettersi a internet anche nei posti remoti in cui vive, proprio dove di solito i cellulari non hanno rete.

Non c'è che dire: la sua è davvero una bella storia, che mostra un lato insolito, originale e inaspettato dei social network, piattaforme che non sempre vengono utilizzate con intenti nobili e di arricchimento.

Advertisement
Tags: CuriosiDonneStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie