Un'azienda crea la prima collezione di bambole con Sindrome di Down: una scelta in nome dell'uguaglianza - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un'azienda crea la prima collezione…
Ricostruire la barriera corallina grazie alla stampa in 3D: il progetto dei ricercatori di Hong Kong 19 foto di boschi e città in giro per il mondo resi incantevoli dall'arrivo dell'autunno

Un'azienda crea la prima collezione di bambole con Sindrome di Down: una scelta in nome dell'uguaglianza

01 Novembre 2020 • di Lorenzo Mattia Nespoli
1.242
Advertisement

L'inclusione nella società di tante persone che spesso, per motivi tanto vari quanto insensati, rimangono discriminate e ai margini, è oggi un obiettivo che ognuno dovrebbe perseguire, a partire dalle istituzioni. Se ci pensiamo un attimo, sono davvero tante le cose intorno a noi disegnate e costruite per chi non ha problemi o invalidità di alcun tipo, ossia per tutti coloro che vengono considerati "normali".

È proprio questa differenza tra normalità e diversità, tuttavia, che dovrebbe essere messa da parte in favore di atteggiamenti e azioni che favoriscano la sensibilizzazione e l'uguaglianza, fin da quando si è bambini. Ne sa qualcosa Miniland, la fabbrica spagnola di giocattoli educativi che ha presentato una collezione di bambole davvero particolari, tanto da meritare un prestigioso riconoscimento.

via: El Mundo

Rispetto per la diversità, tolleranza e inclusione: con questi - e altri - valori fondamentali ben saldi in mente, la Miniland, ditta che produce giocattoli vicino ad Alicante, nella Spagna meridionale, ha presentato una collezione di bambole davvero speciali. Il motivo? Non sono le solite rappresentazioni quasi "perfette" di bambine, bambini o adolescenti, ma hanno la sindrome di Down.

immagine: minilandgroup

Proprio così: finora nessun produttore di giocattoli aveva pensato di rappresentare, nelle sue bambole, persone affette da questo disturbo, di qualsiasi etnia, e per questo la Miniland ha deciso di puntare sull'importanza della diversità come arricchimento e occasione di scambio e accettazione. Queste bambole 100% inclusive, così, si sono meritate il premio di "Miglior giocattolo dell'anno 2020" secondo l'Associazione Spagnola Produttori di giocattoli.

Advertisement
immagine: minilandgroup

«Siamo molto felici di questo riconoscimento - ha commentato Victoria Orruno, direttrice del marketing dell'azienda - perché rafforza il nostro impegno a facilitare la normalizzazione, il rispetto e l'integrazione fin dall'infanzia». Giocattoli inclusivi per bambini altrettanto inclusivi e tolleranti, dunque.

immagine: minilandgroup

Un impegno che ci sembra assolutamente lodevole e fondamentale, perché riesce a dare visibilità a chi troppo spesso non ne ha, o vive ai margini, vittima di pregiudizi e discriminazioni che nessuno dovrebbe mai subire.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie