In Italia nasce il primo impianto che ricicla assorbenti e pannolini al 100% - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
In Italia nasce il primo impianto che…
Questo istruttore di parapendio sorvola le aree più devastate dell'Amazzonia spargendo semi di alberi I pensieri negativi e l'ansia possono rovinarci molti momenti: una psicologa spiega come tenerli a bada

In Italia nasce il primo impianto che ricicla assorbenti e pannolini al 100%

22 Ottobre 2019 • di Marta Mastrogiovanni
4.179
Advertisement

Abbiamo sempre gettato pannolini e assorbenti nell'indifferenziata, ma cosa pensereste se vi dicessimo che, in realtà, anche materiali usati di questo tipo possono essere riciclati al 100%? Ebbene sì, questi materiali molto usati quotidianamente, possono essere trasformati in mollette, sedie di plastica, cartoni industriali e persino in nuovi prodotti assorbenti. La novità arriva da Lovadina di Spresiano, in provincia di Treviso, dove l'azienda FaterSmart ha dato vita a questo nuovo processo di riciclo ― un progetto che possiamo considerare il fiore all'occhiello dell'Italia.

via: FaterSmart

L'azienda FaterSmart ha ricevuto il Premio Sviluppo Sostenibile per il settore "rifiuti e risorse" ad Ecomondo 2018, tenutosi a Rimini. Gli ideatori di questo progetto hanno dimostrato come da una tonnellata di pannolini sia possibile ottenere fino a 150 Kg di cellulosa, 75 kg di plastica e altrettanti di polimero super assorbente.

Come funziona nello specifico? Il processo di riciclaggio in questione si divide in 3 fasi principali.

Fase iniziale. In questa prima fase, degli operatori specializzati hanno il compito di raccogliere porta a porta i prodotti assorbenti usati; possono rivolgersi anche ad asili nido, case di riposo, strutture ospedaliere ecc.. Già diversi cittadini hanno accesso a questo tipo di raccolta in Italia. Dopodiché i materiali raccolti vengono trasportati verso le unità centrali della macchina per lo stoccaggio.

Fase centrale. A questo punto la componente organica viene eliminata. Tutti i prodotti, infatti, vengono lavati, sterilizzati e separati; successivamente, vengono trasportati nell'essiccatore e asciugati. È grazie a questo processo che è possibile eliminare tutti i potenziali agenti patogeni e i cattivi odori di tali prodotti usati.

Fase finale. In questa ultima fase, una batteria di separatori in serie è adibita a separare le materie prime da ogni prodotto: è stato calcolato che da ogni tonnellata di questi rifiuti si ottengono 150 Kg di cellulosa, 75 Kg di plastica e 75 Kg di polimero super assorbente.

Advertisement

Attualmente, l'impianto di Lovadina di Spresiano tratta circa 1.500 tonnellate di pannolini e assorbenti l'anno, con l'auspicio di aumentare il carico fino a 10.000 tonnellate. Una bella realtà, per ora concentrata in nord Italia, che potrebbe espandersi e contribuire sensibilmente all'intero processo di riciclo in cui siamo coinvolti come cittadini, ogni giorno.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie