Fossa delle Marianne: trovata una busta di plastica nel punto più profondo e remoto della Terra - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Fossa delle Marianne: trovata una busta…
12 tatuaggi così particolari che meriterebbero un premio per l'originalità Qualche consiglio ispirato all'educazione giapponese per crescere bimbi rispettosi e obbedienti

Fossa delle Marianne: trovata una busta di plastica nel punto più profondo e remoto della Terra

22 Giugno 2020 • di Marta Mastrogiovanni
2.608
Advertisement

La fossa delle Marianne è la più grande e profonda depressione oceanica conosciuta al mondo, situata al largo dell'Oceano Pacifico tra Giappone, Filippine e Nuova Guinea. Il suo punto più profondo viene chiamato Abisso Challenger e si trova ad una profondità di oltre 10.898 m. Proprio qui, il miliardario Victor Vescovo ha condotto un'immersione da record con il suo sommergibile in lega di titanio, testimoniando in superficie una deludente scoperta: la plastica e i rifiuti dell'uomo sono arrivati anche nel punto profondo della fossa delle Marianne. 

via: BBC

A bordo del suo sommergibile DSV Limiting Factor, Vescovo ha filmato di tutto durante l'immersione, tra cui purtroppo anche una busta di plastica e dei sacchetti alimentari di dolciumi. Una vera delusione che conferma ciò che sapevamo e avevamo sempre temuto: anche l'angolo più remoto della Terra è stato ormai inquinato dall'azione sconsiderata dell'uomo. La notizia non è del tutto nuova al mondo scientifico, in quanto già nel 2017, un team di ricerca facente parte del programma "Sky Ocean Rescue" aveva individuato residui di fibre di plastica in alcuni crostacei prelevati da quella stessa zona.

La sfida portata a termine con successo da Vescovo ha comportato un nuovo record, in quanto il miliardario, nonché ex-ufficiale di marina, ha raggiunto i 10.927 metri! Grazie al cielo, durante questa incredibile esperienza il magnate americano non ha incontrato soltanto plastica e spazzatura, ma anche alcune interessantissime specie marine che abitano gli abissi più profondi: anfipodi giganti, lumache rosa, vermi a forma di cucchiaio e altri strani "mostri" marini di cui non potevamo immaginare l'esistenza.

Advertisement

Grazie ai potenti mezzi e fondi messi a disposizione da Vescovo, gli scienziati che lo accompagnano possono analizzare dati a cui altrimenti non avrebbero accesso. 

Source:

https://edition.cnn.com/travel/article/victor-vescovo-deepest-dive-pacific/index.html

https://www.youtube.com/watch?v=VHEbdotlcFo&feature=emb_title

https://www.nationalgeographic.com/news/2018/05/plastic-bag-mariana-trench-pollution-science-spd/

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie