Un ragazzo autistico di 10 anni costruisce una gigantesca replica del Titanic usando i mattoncini LEGO

REDAZIONE

29 Aprile 2019

Un ragazzo autistico di 10 anni costruisce una gigantesca replica del Titanic usando i mattoncini LEGO
Advertisement

Una storia incredibile ed emozionante, quella di Bryniar Karl Birgisson, sedicenne islandese affetto da autismo. A lui si deve la costruzione della più grande replica in scala del Titanic conosciuta finora, interamente realizzata con mattoncini LEGO. 

Un piccolo-grande capolavoro, esposto e apprezzato già in diversi musei di Islanda, Svezia, Norvegia, Germania e Stati Uniti, che ha suscitato curiosità e ammirazione nei confronti del giovane appassionato di nautica.

Fin da quando aveva 5 anni Brynjar ha avuto la passione per i giochi LEGO e, nonostante già gli fosse stato diagnosticato il disturbo dello spettro autistico, ha sempre avuto le idee chiare su ciò che voleva fare.

Advertisement
brynjarkarl.com

brynjarkarl.com

All'inizio la sua passione erano i treni, ma è stato dopo una gita in barca col nonno Ludvik che ha capito che voleva dedicarsi alle imbarcazioni. E lo ha fatto cominciando a documentarsi su quello che probabilmente è il transatlantico più famoso della storia. 

La vicenda del Titanic e del suo affondamento hanno colpito così tanto Brynjar da spingerlo a costruirne una replica. Come? Da grande appassionato di LEGO, non poteva che farlo utilizzando i famosi mattoncini di plastica colorati.

brynjarkarl.com

brynjarkarl.com

Così, all'età di 10 anni, il ragazzo ha messo in atto un vero e proprio progetto, supportato dal nonno ingegnere, che ha calcolato il passaggio in scala tramite una copia dei piani originali del Titanic. Tantissime ore di lavoro e 65000 pezzi di lego più tardi, il risultato era stupefacente: uno splendido modello lungo ben 8 metri e alto 1,5.  

La replica è stata talmente apprezzata che Brynjar è stato invitato negli Stati Uniti, al Titanic Museum Attraction di Pigeon Forge, Tennessee, per esporre il suo lavoro.

Advertisement
Brynjar Karl Birgisson / Facebook

Brynjar Karl Birgisson / Facebook

Ciò che rende questa vicenda davvero emozionante è che il giovane islandese, tramite la costruzione del "suo" transatlantico, è riuscito a migliorare notevolmente non solo la sua autostima, ma anche le sue capacità di comunicare con gli altri. Insomma: Brynjar è riuscito a contrastare il disturbo autistico da cui è affetto. 

"Ero totalmente incapace di comunicare quando ho iniziato", ha detto. "Non immaginavo che un giorno sarei salito su un palco e avrei rilasciato interviste: ora ho fiducia in me stesso".

Brynjar Karl Birgisson / Facebook

Brynjar Karl Birgisson / Facebook

La storia del sedicenne è una fonte di ispirazione e un modello per tutti i ragazzi affetti da autismo, nonché per le loro famiglie. Brynjar è stato così grato per il sostegno ricevuto, che ha deciso di creare il "Titanic Fund", per aiutare altri giovani con la stessa malattia a realizzare i propri sogni.

Il transatlantico di LEGO, per ora, rimarrà l'unica imbarcazione realizzata dal giovane. "Non costruirò più nulla con i mattoncini", ha detto. "Sono concentrato sull'esplorazione delle barche e sulla loro storia, perché da grande voglio diventare un capitano".

Advertisement