Sempre più ricerche scientifiche scoprono uno strano legame tra vegetarianesimo e depressione - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Sempre più ricerche scientifiche scoprono…
Mangiare male uccide più del fumo: 11 milioni di decessi sono riconducibili alla cattiva alimentazione, lo studio Questo artista ha riportato in vita gli imperatori romani con delle sculture dal realismo impressionante

Sempre più ricerche scientifiche scoprono uno strano legame tra vegetarianesimo e depressione

1.994
Advertisement

Al crescere della popolazione che sceglie di passare ad una dieta che non preveda carne o che escluda completamente proteine animali, la scienza si è interessata ad indagare in maniera più approfondita la natura di questa scelta. 

Uno studio in particolare ha suscitato sorpresa e curiosità, avendo individuato una correlazione tra vegetarianesimo  e depressione. In realtà non è l'unico, anzi, la letteratura scientifica è ricca di indagini che sono giunte alla stessa conclusione. 

immagine: pixabay

In uno studio tedesco, che ha preso in esame un campione rappresentativo di 4.116 persone vegetariane, prevalentemente vegetariane e non vegetariane, è stato messo in luce come periodi depressivi avessero caratterizzato più frequentemente la vita di chi non assumeva carne, rispetto a chi ne mangiava regolarmente. 

In un altro studio con oggetto 90.000 volontari, i ricercatori francesi hanno osservato gli effetti dell'abbandono di varie tipologie di alimenti. Gli effetti più gravi si sono riscontrati in chi abbandonava i quattro tipi di alimenti di derivazione animale (carne rossa, pollame, pesce e latticini), con un rischio maggiorato di due volte e mezzo di soffrire di depressione 

Ancora, uno studio australiano ha studiato la tendenza a sviluppare sintomi depressivi in un campione molto variegato di persone con differenti abitudini alimentari – 330 vegetariani, 330 persone che mangiavano molta carne, 330 persone che mangiavano meno carne, e 330 persone che prediligevano maggiormente frutta e verdura. Particolare attenzione è stata messa nel creare gruppi disomogenei in sesso, età ed estrazione sociale. I risultati hanno riportato che i vegetariani correvano un rischio doppio di soffrire di disturbi mentali, ansia e depressione, rispetto agli altri gruppi 

immagine: pexels

Una spiegazione all'esistenza dei risultati delle indagini scientifiche non c'è: difficile dire che il passaggio ad un regime vegano o vegetariano sia la causa della pressione, anzi è del tutto sbagliato in mancanza di altri dati. Ciò che è certo è che esiste una correlazione tra i due fenomeni. 

Alla luce dell'assenza della relazione causa-effetto, si possono ipotizzare altre spiegazioni: si può pensare, ad esempio, che una dieta senza proteine animali modifichi il microbioma o la chimica cerebrale, innescando sintomi depressivi. O più probabilmente che è possibile che alcuni tratti caratteriali predispongano sia a diventare veg/vegetari-ani che alla depressione. 

Riportando poi alcune esperienze personali è facile capire come in alcuni contesti scegliere di non mangiare carne favorisca l'isolamento sociale: molti vegetariani o vegani riferiscono di aver ricevuto meno inviti a cena fuori nel momento in cui hanno deciso di escludere la carne dalla dieta, o di essere i primi a limitare gli incontri con chi non condivide la stessa scelta. Si viene a creare così una sorta di isolamento, prolifico per l'insorgenza di sintomi depressivi.

C'è chi infine sostiene che "semplicemente" essere vegetariani o vegani significhi essere più sensibili alle tematiche ambientali e consapevoli della sofferenza animale: una condizione indubbiamente più "deprimente" rispetto ad una beata ignoranza. 

Source:

Tags: ScienzaCuriosiCibo
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie