Gli scienziati hanno fatto un importante passo in avanti nella creazione di un vaccino contro l'HIV - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Gli scienziati hanno fatto un importante…
È la prima nave ad idrogeno al mondo: in 6 anni girerà 50 paesi senza usare MAI carburanti fossili Questi mattoni puzzle si assemblano senza malta e riducono i tempi di costruzione del 50%

Gli scienziati hanno fatto un importante passo in avanti nella creazione di un vaccino contro l'HIV

5.735
Advertisement

Con circa 37 milioni di persone sieropositive e 1,8 milioni di nuovi casi ogni anno, l'HIV continua purtroppo ad essere uno dei più temuti e diffusi virus al mondo. Nonostante innumerevoli studi, infatti, ad oggi non esiste una cura definitiva che garantisca la guarigione totale dei malati, i quali sono quindi sottoposti alla terapia antiretrovirale permanente (ART).

Eppure la ricerca avanza coraggiosa, come dimostrano i recenti risultati nello sviluppo di un vaccino per la protezione dal contagio.

Lo studio, condotto da un gruppo di ricercatori del Beth Israel Deaconess Medical Center and Harvard Medical School, è stato eseguito su 393 adulti non infetti da HIV di età compresa tra 18 e 50 anni, provenienti da cliniche in Africa orientale, Sudafrica, Thailandia e Stati Uniti. I volontari sono stati sottoposti al vaccino Mosaic HIV: come suggerisce il nome, si tratta di un vaccino a mosaico, che prende in considerazione diverse varianti di HIV per stimolare la difesa immunitaria contro i vari ceppi virali, al fine di rispondere e contrastare uno degli aspetti più insidiosi del virus, ovvero la sua mutevolezza.

A seguito della somministrazione in quattro dosi in 48 settimane del vaccino, è stato rilevato un aumento della risposta immunitaria al virus da parte dei volontari.

Questo primo successo, seppure incoraggiante, non segna che un punto a favore della ricerca, ma non la sconfitta del virus: come afferma Dan Barouch,"Le sfide nello sviluppo di un vaccino contro l'HIV non hanno precedenti e la capacità di indurre risposte immunitarie specifiche dell'HIV non indica necessariamente che un vaccino proteggerà gli esseri umani dall'infezione da HIV". 

Lo studio quindi va avanti, passando alla fase due che prevede la sua somministrazione a 2.600 donne dell'Africa meridionale - la regione in cui si concentrano quasi i due terzi del totale globale di nuove infezioni da HIV. Aspettiamo speranzosi i nuovi risvolti!

Sources: 

The Lancet

World Health Organization

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie