Nessuno le dà lavoro perché ha la Sindrome di Down: ora la sua pasticceria è oberata di ordini - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Nessuno le dà lavoro perché ha la…
Il fidget spinner, la moda terapeutica che non è a rischio zero Dire parolacce aumenta la forza fisica: ora ne abbiamo le prove

Nessuno le dà lavoro perché ha la Sindrome di Down: ora la sua pasticceria è oberata di ordini

17.540
Advertisement

Il sogno di Collette Divitto era sempre stato quello di fare la pasticcera e per questo aveva iniziato a sperimentare varie ricette sin dall'età di quindici anni. Una volta cresciuta, però, Collette ha sentito il desiderio di provare a trasformare la sua passione in un lavoro, peccato che a causa della sua condizione i suoi colloqui di lavoro non terminavano mai con una proposta. La ragazza, affetta da Sindrome di Down, è comunque riuscita a realizzare il suo sogno e a prendersi una bella rivincita!

A 22 anni Collette ha iniziato a mandare CV, ma dopo 2 anni di rifiuti, ha deciso che era giunto il momento di fare da sé.

Ha iniziato vendendo piccole confezioni biscotti al mercato...

Advertisement

Poi, con l'aiuto della mamma e della sorella, ha fatto il grande passo e ha aperto il suo laboratorio di pasticceria.

La sua pasticceria si chiama Collettey's Cookie e continua a registrare ordini.

Poco dopo l'inaugurazione ha ricevuto un ordine di 50 mila biscotti!

Ora i suoi prodotti vengono venduti anche al mercato più importante della città dove vive, Boston.

La sua storia ha ricevuto un'altissima attenzione mediatica e Collette ne ha approfittato per mandare un messaggio importante: negare una possibilità a qualcuno per via di una condizione come la sua è sbagliato perché spesso si tratta di persone che hanno un'autonomia totale, oltre che talento e voglia di fare.

Ora il suo desiderio è in primo luogo riuscire a soddisfare tutte le richieste di biscotti che riceve, poi spera di aprire altre sedi nelle quali impiegare anche persone affette da Sindrome di Down come lei. Nel frattempo partecipa a convegni per sensibilizzare le persone riguardo a questa malattia. Avanti tutta, Collette! (qui il suo sito web)

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie