Il riposino sotto zero: l'incredibile usanza nordeuropea che può insegnarci qualcosa - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Il riposino sotto zero: l'incredibile…
Fotografie dal '900: rivivete alcuni momenti che hanno segnato la storia dell'uomo L'aloe vera è una super-Pianta: scoprite 5 usi che probabilmente ignoravate

Il riposino sotto zero: l'incredibile usanza nordeuropea che può insegnarci qualcosa

01 Maggio 2017 • di Simone Troja
19.725
Advertisement

Se vi dicessero di far dormire vostro figlio di pochi mesi all'aperto con zero gradi dareste ascolto a questo consiglio o invitereste la persona in questione a farsi i fatti suoi? E se questa persona fosse un medico?
Beh, è esattamente quello che successe in Finlandia quando Arvo Ylppö, un pediatra, iniziò a consigliare la pratica di far dormire i bambini in un clima rigido perché avrebbe avuto, secondo i suoi studi, un effetto positivo su di loro.

Questa pratica prende il nome di "nanna sotto zero" e consiste esattamente nel far fare dei sonnellini (diurni ovviamente) all'aperto, con un clima rigido ma ben coperti da cappotti e plaid.

La pratica sembra essersi diffusa negli anni '20 del Novecento.

immagine: fatherly.com

I piccoli vengono fatti dormire all'aperto anche con temperature intorno ai -15°C.

Advertisement

I bambini esposti in questo modo all'aria fredda e ai raggi solari sembrerebbero meno predisposti al rachitismo

Sembrebbero godere di benefici al sistema circolatorio e sviluppare un sistema immunitario più forte.

I risultati degli studi odierni non sono univoci ma in Svezia, in alcuni asili, il riposino pomeridiano si fa all'aperto.

Advertisement

Sicuramente le mamme del centro e sud Europa, abituate al caldo, non lascerebbero mai il proprio figlio a riposare con tre gradi sotto lo zero.

Ma i bambini del nord Europa cresceranno comunque tra ghiacciai e bufere di neve, andranno a scuola a piedi sotto i fiocchi di neve...

Advertisement

Per loro il gelo sarà un compagno quotidiano e in ogni caso si tempreranno a quei climi.

Il freddo, di per sé, non li farà ammalare di più. L'importante è che quando verranno lasciati a riposare sotto lo zero abbiano i dovuti indumenti.

Advertisement

Non di rado le donne nei paesi nordici lasciano i figli fuori dal negozio per fare veloci commissioni (ovviamente parliamo di piccoli centri abitati)

Cosa ne pensi? Metteresti tuo figlio a riposare con una temperatura inferiore allo zero?

immagine: StrollerQueen
Tags: CuriosiBambini
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie