Tutti conosciamo il problema del buco dell'ozono: finalmente arriva una buona notizia! - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Tutti conosciamo il problema del buco…
In India sono stati piantati 50 milioni di alberi in un solo giorno: il motivo è esemplare! Scoprite questo piccolo gioiello buddista nascosto nel bel mezzo della giungla

Tutti conosciamo il problema del buco dell'ozono: finalmente arriva una buona notizia!

23 Luglio 2016 • di Anna Brunelli
4.817
Advertisement

Abbiamo sentito parlare spesso del fenomeno del buco dell'ozono, ovvero dell'allarmante assottigliamento dello strato di ozono nella stratosfera, che filtra la maggior parte dei raggi ultravioletti.

I primi studi degli anni '70, effettuati dagli scienziati premi Nobel Mario Molina e Sherwood Rowland, dimostrarono che i danni più gravi erano causati dai clorofluorocarburi (CFC), sostanze usatissime all'interno dei frigoriferi, dei condizionatori e delle bombolette spray. 

Da allora ci sono stati numerosi appelli ai governi ed ai consumatori, oltre al protocollo di Montreal sui gas, che ha iniziato una strategia globale per la protezione della fascia di ozono, vietando ai paesi industrializzati la produzione e il consumo delle sostanze incriminate.

La bella notizia è che la situazione sta gradualmente migliorando e che, se continuiamo così, entro la metà del secolo il buco dell'ozono potrebbe richiudersi...

Grazie al rispetto delle regole imposte dai protocolli internazionali, le dimensioni del buco dell'ozono sull'Antartide si stanno gradualmente riducendo

A mostrarlo è uno studio effettuato da un gruppo di ricercatori guidato da Susan Solomon, che ha dedicato oltre 30 anni allo studio del fenomeno ed è la prima firmataria del Protocollo di Montreal. "Ci sono ottime possibilità che il buco dell'ozono si riduca e, infine, si chiuda definitivamente entro la metà del secolo", ha dichiarato la Solomon soddisfatta.

"Ora possiamo essere sicuri che le azioni intraprese hanno messo il pianeta sulla strada della guarigione", ha aggiunto la studiosa

Un'ottima notizia, a dimostrazione del fatto che, se ci impegniamo a rispettare l'ambiente, il pianeta risponde.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie