Ecco il re africano che lavora come meccanico e governa il suo popolo tramite Skype - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Ecco il re africano che lavora come…
Ricopre la teglia con le patate e aggiunge gli spinaci: il piatto finale è un capolavoro Un ragazzo trova in strada un ramo caduto: ecco come riesce a dargli nuova vita

Ecco il re africano che lavora come meccanico e governa il suo popolo tramite Skype

43.508
Advertisement

Quando si parla di regnanti, di qualunque casata e nazionalità essi siano, non si può mai evitare di parlare di privilegi e stili di vita nemmeno lontanamente paragonabili a quelli delle persone comuni. Spesso infatti chi sta al potere è più famoso per le sue vicende amorose e i suoi vizi che per le azioni a favore del popolo.

Esistono però nel mondo delle figure così umili e virtuose che possono ribaltare questo luogo comune.

Oltre al famoso e mai sufficientemente celebrato presidente del Paraguay, José Mujica, che vive in una fattoria e dona il 90% del suo stipendio alle organizzazioni umanitarie, vi raccontiamo oggi la storia di Bansah Hohoe, che lavora full-time come meccanico in Germania e part-time come... regnante.

immagine: Mirka Laura Severa

Negli anni 70 Bansah emigrò in Germania, precisamente a Ludwigshafen, vicino a Francoforte, per imparare il mestiere di meccanico.

immagine: Mirka Laura Severa
Advertisement

Dopo il periodo di apprendistato decise però di rimanere in Germania, spinto anche dall'amore per una donna tedesca, Gabrielle.

immagine: Mirka Laura Severa
immagine: Mirka Laura Severa

Era sicuro che avrebbe vissuto la sua vita di meccanico in totale normalità, ma nel 1987 un fax dal Ghana ha cambiato tutto.

immagine: Mirka Laura Severa
Advertisement

Il nonno di Bansah era morto, e né suo padre né suo fratello avevano i requisiti per governare.

immagine: Mirka Laura Severa

Fu così che dovette prendersi una pausa dal lavoro per recarsi nel suo paese natale.

immagine: Mirka Laura Severa
Advertisement
immagine: Mirka Laura Severa

Valutando la situazione, Bansah decise alla fine di accettare l'incarico: era deciso a fare qualcosa di concreto per il suo popolo e ne aveva l'occasione.

immagine: Mirka Laura Severa
Advertisement
immagine: Mirka Laura Severa

Non ha voluto però tornare a vivere in Ghana: la sua particolarità sta nel fatto che lavora ancora come meccanico e gestisce tutte le pratiche amministrative tramite internet.

immagine: Mirka Laura Severa

Vivendo all'estero, ha una visione privilegiata sulle possibili soluzioni che il suo paese deve attuare in termini di sviluppo.

immagine: Mirka Laura Severa
immagine: Mirka Laura Severa

Bansha ha infatti prestato particolare attenzione alla necessità di garantire assistenza sanitaria e acqua potabile ai cittadini di Hohoe e delle regioni vicine.

immagine: Mirka Laura Severa

Ovviamente si reca in Ghana almeno sei volte all'anno per presenziare le cerimonie ed osservare da vicino le criticità o i traguardi raggiunti.

immagine: Mirka Laura Severa

A 67 anni, Bansha continua a stare sveglio fino a tardi per governare 200.000 persone e si alza la mattina presto per lavorare nella sua officina.

immagine: Mirka Laura Severa

Ha avviato anche dei programmi di tirocinio, invitando dei giovani di Hohoe a raggiungerlo per fare dei periodi di apprendistato nell'officina e portare queste conoscenze nel loro paese.

immagine: Mirka Laura Severa

Per la sua umiltà e per l'impegno profuso in tutte le sue attività, si è meritato il rispetto della sua gente e di tutte le popolazioni vicine.

immagine: Mirka Laura Severa

Probabilmente quest'uomo, pur stando a migliaia di chilometri di distanza, riesce a rendersi utile per la sua gente molto più di tanti governanti, che vivono insieme al popolo ma restano barricati nelle loro auto blu...

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie