Il compagno di classe occupa il suo banco e lo infastidisce, quando capisce il perché si commuove - Curioctopus.it
x
Il compagno di classe occupa il suo…
Educazione: come far capire ai bambini l'importanza di chiedere scusa e perché è necessario

Il compagno di classe occupa il suo banco e lo infastidisce, quando capisce il perché si commuove

15 Marzo 2022 • di Irene Grazia Paladino
1.645
Advertisement

Entrare in classe e trovare oggetti di un altro compagno sulla tua scrivania non è un’opzione piacevole. I primi giorni di lezione si stabiliscono i posti, che solitamente rimangono quelli per tutta la durata del ciclo accademico. Quando qualcuno invade il nostro spazio, quindi, è naturale provare una sensazione di fastidio. Cosa si fa in questi casi? Si chiede gentilmente al compagno se può togliere i suoi oggetti dal tuo posto. È quello che ha fatto inizialmente Thomas, uno studente che ha raccontato la vicenda su Twitter

 


Thomas notava questo strano comportamento da parte del compagno, e non si è inizialmente preoccupato di capire il motivo. Non si è chiesto perché il ragazzo accanto a lui continuasse a posizionare oggetti, quaderni e cellulare proprio sulla sua scrivania. Quando ha capito il perché, ha anche imparato un’importante lezione, che ha condiviso poi su Twitter.

Thomas racconta: “In una delle mie classi di Management mi siedo ogni giorno nello stesso posto davanti. Ogni singolo giorno mi siedo lì. Ora, mi siedo anche accanto a un ragazzo straniero che parla a malapena inglese. La cosa più avanzata che ho sentito dire da questo ragazzo in inglese è "Wow, il mio muffin è davvero buono". Questo ragazzo ha anche l'abitudine di impilare ogni oggetto che possiede nello spazio esatto in cui mi siedo. La sua borsa, il suo cibo, i suoi libri e il suo telefono sono SEMPRE proprio sulla mia scrivania. 

Ora, ogni volta che entro in classe questo ragazzo dice "Ah, Tom. Sei qui. Okay." E inizia freneticamente a ripulire la mia scrivania dalle sue cose. Quindi prende l'abitudine di dire "Pronto per la lezione, sì?" E mi dà il cinque. Ogni giorno questo ragazzo mi dà il cinque.Ero SEMPRE infastidito da questo ragazzo. Pensavo "Amico, lo sai che mi siedo su questo posto ogni giorno. Perché stai sempre accatastando le tue cose qui? E l'ultima cosa che voglio fare è dare il cinque a un ragazzo che parla a malapena la mia lingua alle 8 del mattino."

 

Un giorno, però, è cambiato qualcosa: “Oggi sono entrato in classe con qualche minuto di ritardo. Aspettavo fuori dall’aula perché dovevo mandare un SMS veloce. Potevo vedere il mio solito spazio attraverso la porta con la coda dell'occhio. Naturalmente, la mia scrivania era piena delle sue cose. Il solito. Mentre sono lì al telefono, un altro ragazzo che era anche lui in ritardo entra in classe prima di me e ha cercato di prendere il mio posto poiché è il più vicino alla porta. Il ragazzo seduto accanto a me impedisce a questo tizio di sedersi e dice "Mi dispiace. Il mio buon amico Thomas è seduto qui". Fu allora che mi resi conto che questo ragazzo non stava mettendo roba sul mio sedile per infastidirmi. Mi occupava il posto ogni mattina. E per tutto questo tempo mi ha visto come un amico ma ero troppo occupato a pensare a me stesso per prenderlo in considerazione. Per quanto possa sembrare scadente, sono rimasto commosso. Alla fine sono andato in classe e ovviamente lui ha liberato il posto e ha detto "Ah, Tom. Sei qui. Va bene". E ho preso il cinque.” I due hanno pranzato insieme, e Thomas ha imparato una lezione importante: a volte dovremmo smetterla di concentrarci solo su noi stessi e osservare gli altri da un’altra prospettiva. L’atteggiamento che lui reputava “fastidioso” era, in realtà, un atto di gentilezza e una richiesta di amicizia. 

 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie