Cammini lentamente o velocemente? Secondo questo studio l'andatura può svelare il tuo QI - Curioctopus.it
x
Cammini lentamente o velocemente? Secondo…
Autista riceve una richiesta di aiuto da una donna e finge di essere il suo fidanzato per proteggerla Organizza una cena tra amici ma nessuno degli invitati si presenta: la triste esperienza

Cammini lentamente o velocemente? Secondo questo studio l'andatura può svelare il tuo QI

26 Dicembre 2021 • di Lorenzo Mattia Nespoli
7.249
Advertisement

Quali sono i segnali che ci permettono di determinare se l'intelligenza di una persona è più o meno spiccata? Di sicuro la risposta a questa domanda potrebbe avere numerose e diverse sfaccettature, ma siamo certi che in pochi penserebbero che uno di essi è il modo di camminare.

Eppure è proprio così, stando all'originale studio condotto dalla Duke University di cui stiamo per parlarvi. Analizzando e mettendo a confronto diverse modalità di camminata, i ricercatori sono riusciti a stabilire dei collegamenti tra esse e le capacità intellettive delle persone, nonché con il loro invecchiamento biologico. Esisterebbero dunque notevoli differenze tra un passo svelto e uno veloce. Pronti a scoprire qualche informazione in più?

via: Time.News

A condurre la ricerca, come detto, sono stati gli esperti della Duke University, uno degli atenei più prestigiosi degli Stati Uniti. Alla base dell'indagine, un presupposto ben preciso: la camminata non è uguale per tutti, e osservandone i diversi stili si possono ricavare informazioni sulle persone, non solo a livello di rilassamento o eventuale nervosismo, ma anche a livello di intelligenza.

Dimmi qual è la tua camminata e ti dirò chi sei, verrebbe dunque da affermare, e a quanto pare è proprio così. Esaminando un campione composto da circa 1.000 persone di mezza età, gli scienziati statunitensi le hanno invitate a camminare a diverse velocità utilizzando dei tapis roulant, dall'andatura per loro più normale a quella più veloce senza però correre. Tra una rilevazione e l'altra, i partecipanti dovevano risolvere dei rompicapi.

Attraverso questi, altre scansioni cerebrali, dati e misurazioni del QI, i ricercatori sono riusciti a giungere a delle conclusioni riguardanti proprio le capacità intellettive e lo stato di invecchiamento biologico delle persone. In pratica, dunque, il modo di camminare può essere un segnale piuttosto chiaro legato a questi aspetti. Chi camminava più lentamente tendeva anche ad avere un minore volume cerebrale e ad essere più "vecchio" dal punto di vista fisico di chi, pur essendo nato nello stesso anno, camminava più velocemente.

Advertisement

Line Jee Hartmann Rasmussen, scienziato biomedico molecolare autore dello studio, ha affermato che tale indagine può rivelarsi assolutamente utile per determinare chi, con l'avanzare dell'età, rischierà maggiori o minori problemi biologici legati proprio all'invecchiamento. Insomma: se camminate velocemente, non preoccupatevi, perché potreste avere una marcia in più rispetto a tante altre persone, soprattutto a lungo termine.

Che ne pensate di questa ricerca?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie