"Una bulla ha rotto il braccio a mia figlia ma la scuola la difende": lo sfogo di una mamma - Curioctopus.it
x
"Una bulla ha rotto il braccio a mia…
18 persone che hanno risolto i loro problemi pratici arrangiandosi nei modi più folli e divertenti Nel 1914 un imprenditore fondò la città

"Una bulla ha rotto il braccio a mia figlia ma la scuola la difende": lo sfogo di una mamma

20 Novembre 2021 • di Lorenzo Mattia Nespoli
1.753
Advertisement

Quando leggiamo certe storie ci rendiamo conto che, anche se dal prossimo ci aspettiamo determinati comportamenti in situazioni difficili, essi non sono quasi mai così scontati. Ne sa qualcosa la mamma 38enne di cui stiamo per parlarvi, che ha deciso di raccontare la sua storia su Reddit, chiedendo un parere agli utenti del social network sul comportamento che aveva avuto.

Tutto è successo a Zoey, una delle sue figlie adottive, presa di mira a scuola da una compagna di classe, che nel post la donna ha deciso di chiamare col nome inventato di Cat. L'alunna si è comportata da vera e propria bulla con la figlia di 9 anni e, un episodio dopo l'altro, la situazione è precipitata, finché la bimba non si è fatta male, proprio a seguito dell'ennesimo dispetto da parte di Cat. A quel punto, la mamma ha deciso di intervenire con la scuola, ed è stato allora che ha ricevuto una risposta che non si sarebbe mai aspettata di sentire.

Stando a quanto ha raccontato la madre in questione, sua figlia Zoey (anche questo è un nome inventato da lei per riservatezza) tornava spesso a casa con un atteggiamento triste. Per mesi, Cat, la sua compagna di classe, l'ha presa di mira per via delle sue origini asiatiche e diffondendo falsità e cattiverie su di lei. Durante tutti questi episodi, sfortunatamente, il corpo insegnante della scuola, invece di intervenire e tutelare la ragazzina bullizzata, ha preso la situazione alla leggera, invitando Zoey a non fare caso a tutto quello che le veniva detto e liquidando tali episodi con la madre come semplici "conflitti" tra bambini.

Per Zoey, tuttavia, non è stato affatto semplice far finta di nulla, finché un giorno le cose hanno preso una brutta piega. L'infermeria scolastica ha infatti chiamato la mamma della piccola per avvertirla che, durante la ricreazione, la bimba era caduta da un albero rompendosi un braccio, e che era necessario portarla subito al pronto soccorso. Così è stato, e quando Zoey è salita in auto ha raccontato alla madre cosa fosse successo veramente. Ancora una volta, per via di una sfida proposta da Cat, la bambina era salita sull'albero: peccato che, quando si è trovata lì sopra, la bulla lo abbia scosso in maniera tale da provocare la caduta, per poi scappare facendo finta di niente.

A quel punto, la mamma non ha retto più e ha deciso, insieme al marito, di lamentarsi con gli insegnanti. In occasione del colloquio, le persone che avrebbero dovuto occuparsi della sicurezza e della tranquillità di Zoey a scuola, si sono dimostrate piuttosto fredde. Di nuovo, quanto accaduto è stato minimizzato come un semplice "diverbio" tra ragazze e, a quanto si è appreso, l'insegnante di turno al momento dell'incidente avrebbe anche sgridato la piccola perché, lamentandosi, stava esagerando. Ma non è finita qui.

Parlando con i genitori di Zoey, l'insegnante ha apertamente preso le difese di Cat, sostenendo che la bulla "meritava comprensione" perché, qualche mese prima, sua nonna era venuta a mancare e dunque stava attraversando un momento difficile. "Non me ne importa niente" ha risposto arrabbiata la madre di Zoey, scatenando lo stupore del maestro. È stato allora che, riflettendoci dopo che gli animi si sono calmati, la donna si è chiesta se avesse esagerato rispondendo in quel modo. E ha rivolto la domanda anche agli utenti di Reddit, i quali, in maggioranza, l'hanno sostenuta, affermando che la perdita della nonna non dava alcun diritto a Cat di essere così prepotente con gli altri bambini. Voi cosa ne pensate? Ha esagerato oppure no?

Tags: ScuolaAssurdiStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie