Ragazza di 13 anni espulsa da scuola perché il suo abbigliamento "distrae i ragazzi" - Curioctopus.it
x
Ragazza di 13 anni espulsa da scuola…
Questa donna è andata a Tonga per un weekend prima della pandemia ed bloccata lì da mesi Ricercatori giapponesi stampano in 3D un pezzo di pregiatissimo manzo wagyu: è identico all'originale

Ragazza di 13 anni espulsa da scuola perché il suo abbigliamento "distrae i ragazzi"

01 Settembre 2021 • di Irene Grazia Paladino
5.867
Advertisement

A scuola bisogna vestirsi con abiti consoni: è, senza dubbio, una regola applicabile in ogni contesto. Nessuno andrebbe a scuola con un abito elegante, così come nessuno indosserebbe giacca e papillon per andare a correre. Ma è giusto che una ragazza venga espulsa da scuola per il modo in cui veste? Prima di dare una risposta, è importante conoscere le motivazioni. Demetra Alarcòn non è stata espulsa perché il suo abbigliamento era inappropriato, quanto perché distraeva gli altri ragazzi.

via: Today
immagine: Today

Demetra, all’epoca dell’accaduto, aveva solamente 13 anni e frequentava la Raymond J. Fisher High School nella città di Los Gatos, in California. Era un giorno d’estate, faceva molto caldo, e la ragazza indossava un abito blu ritenuto troppo corto. La scuola ha così deciso di espellere la ragazza, perché con il suo abbigliamento “distraeva gli altri alunni”. Proprio a causa del suo abbigliamento, la ragazza è stata mandata a casa. Come avresti reagito se fossi stata mandata a casa per un motivo del genere? Possibile che non si possa indossare un vestito per paura delle possibili reazioni degli altri?

Demetra ha poi chiamato il padre, che le ha portato un paio di pantaloncini e una canotta. Di fronte al responsabile scolastico, il padre ha preso le parti della figlia: ha detto che non capiva cosa ci fosse di inappropriato nel suo abbigliamento. Il responsabile ha poi confermato la sua versione.

 

Guardando le foto, viene davvero da chiedersi se quel modo di vestirsi sia stato davvero poco consono per il contesto e se le motivazioni sostenute dalla scuola siano solide e opportune. La questione ha aperto a diverse discussioni e riflessioni riguardo atteggiamenti discriminatori: perché i ragazzi possono indossare, in molte scuole, i pantaloncini e le ragazze non possono indossare abiti corti? Demetra desiderava solo non soffrire il caldo e stare comoda in classe, invece la scuola l’ha punita e umiliata. L’espulsione è davvero la soluzione? Le persone si sono espresse con convinzione: le ragazze non andrebbero punite perché indossano un vestito. Dove sta la ragione? Ritieni comprensibili le motivazioni sostenute dalla scuola?

 

Tags: ScuolaAssurdiStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie