"Voglio pensare a me stessa": nonna si rifiuta di prendersi cura dei nipoti a tempo pieno - Curioctopus.it
x
"Voglio pensare a me stessa": nonna…
Vende il servizio da tè della moglie a sua insaputa: lei si vendica e lo ricompra Ragazzo trova un paio di jeans Levi's di 100 anni fa: erano in una miniera abbandonata

"Voglio pensare a me stessa": nonna si rifiuta di prendersi cura dei nipoti a tempo pieno

07 Ottobre 2021 • di Irene Grazia Paladino
12.382
Advertisement

I nonni sono preziosi nella vita di moltissime famiglie: amano i nipoti in modo incondizionato e aiutano i loro figli che hanno bisogno di loro in particolari momenti. Troppo spesso, però, si dà per scontato che i nonni debbano essere presenti e prendersi cura dei nipoti, trascurando magari loro stessi e i loro bisogni. Dove si trova il limite tra prendersi cura degli altri e trascurare se stessi? Una giovane nonna ha espresso la sua opinione online, nella speranza di ricevere consigli e di ascoltare il parere di persone con un punto di vista diverso.

via: reddit

Questa nonna ha aiutato a crescere il nipote, però ha deciso di "ritirarsi" e di smetterla di prendersi cura dei nipoti a tempo pieno per trasferirsi in un’altra città. Sua figlia, però, non condivide la sua scelta. La donna racconta così la sua storia: 

Mio marito ed io abbiamo avuto i nostri figli da giovani (avevo 18 anni quando è nata mia figlia, 21 quando ho avuto mio figlio). Mia figlia è rimasta incinta a 16 anni. Anche dopo che si è trasferita e si è sposata, io e mio marito siamo stati pesantemente coinvolti nella cura del bambino. All'inizio perché era giovane e si destreggiava tra la scuola e l'essere una mamma single. Poi ha finito il college, ha trovato un ottimo lavoro e anche suo marito ha un lavoro ben pagato. Entrambi hanno lavorato ore folli e io e mio marito stavamo praticamente crescendo un terzo figlio. Lo portavamo a scuola, facevamo da babysitter il pomeriggio. Trascorreva almeno un mese con noi durante l'estate. Di conseguenza, siamo molto vicini. Non ci risentiamo per quello che abbiamo fatto e ci è piaciuto farlo. Tuttavia, ora nostro nipote ha 18 anni e sta andando al college in tutto il paese. Mio marito è andato in pensione e vogliamo trasferirci al sud per un clima migliore e relax. È stato il piano per anni. Stiamo lavorando per vendere la casa e abbiamo intenzione di essere laggiù entro Natale.

La donna quindi continua: “Il problema è che nostra figlia ha avuto un bambino, il nostro secondo nipote, due anni fa e ora è di nuovo incinta. Ha lasciato il suo lavoro per essere una mamma casalinga con il piccolo, quindi non abbiamo dovuto fare altrettanto con lui. Lo amiamo e lo viziamo, ma sarà una relazione diversa. Mia figlia dice che non dovremmo muoverci perché potrebbe aver bisogno del nostro aiuto. Ho detto che mentre suo padre si ritira dal lavoro, io mi ritiro dall'assistenza all'infanzia. Voglio essere la nonna che vede i suoi nipotini e li vizia ma non la nonna che li cresce. Si è offesa e ha detto che questo è solo "quello che fanno le nonne" e io non ho detto tutto. A mio figlio non importa che ci trasferiamo, in realtà vive in uno stato diverso e non ha intenzione di avere figli. Saremo anche più vicini a lui con il trasloco (non estremamente ma in questo momento siamo a 12 ore di distanza, con la nostra nuova casa, saremmo circa 4). Mia figlia e suo marito sono arrabbiati con noi, soprattutto perché ho detto che mi stavo "ritirando". Dicono che faccio sembrare che prendersi cura di mio nipote fosse un lavoro ingrato." 

Tu cosa ne pensi? Credi che la nonna abbia torto o la figlia dovrebbe capire le motivazioni e la necessità della donna?

Tags: CuriosiFamigliaStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie