x
Coppia trasforma uno scuolabus in una…
Stranezze da supermercato: 18 clienti che si sono fatti notare mentre facevano la spesa Quest'uomo si prende cura dei gatti abbandonati dopo il disastro di Fukushima: è rimasto lì per loro

Coppia trasforma uno scuolabus in una mini-casa confortevole dove vivere con i figli e il cane

11 Marzo 2021 • di Lorenzo Mattia Nespoli
2.470
Advertisement

Non è la prima volta che vi raccontiamo le storie di persone che decidono di dare una svolta netta alle loro vite partendo dal luogo in cui abitano. Non è detto, infatti, che si possa essere felici soltanto all'interno di una casa tradizionale, fatta di pareti e mattoni e con tutti gli spazi al posto giusto.

Lo dimostrano le storie di tante persone che scelgono alternative originali e inconsuete, proprio come le due donne di cui stiamo per parlarvi. Container, case minuscole, trasportabili e persino... scuolabus. Chi ha detto che non si possa vivere in posti come questi? Sarah e Melanie ne sanno qualcosa, visto che hanno comprato un vecchio pullman scolastico e lo hanno trasformato in una splendida mini-casa per loro, i loro bambini e il loro cane. Un ambiente che merita davvero di essere scoperto più da vicino!


Non importa che sia un bus e che, al posto delle fondamenta, abbia le ruote: l'accoglienza di un ambiente casalingo è un concetto unico e soggettivo. Sarah Storey e Melanie Tumlin lo sanno bene, e per questo, nel 2019, hanno pensato che un classico scuolabus giallo sarebbe diventato il loro nido.

La strada per la trasformazione, però, era davvero lunga. Non è certo una passeggiata pensare di convertire un ambiente che nasce in un certo modo in una casa piena di tutti i comfort. Le due mamme hanno deciso di darsi da fare e, con le loro stesse mani, ci sono riuscite egregiamente.

Advertisement

"Quando l'abbiamo comprato c'era solo lo scheletro - ha raccontato Melanie - abbiamo progettato ogni centimetro quadrato dello spazio per farci entrare tutto quello di cui avevamo bisogno".

A giudicare dalle foto, sembra che siano proprio riuscite alla grande. Una cucina spaziosa, zone notte accessoriate e confortevoli, scaffalature, mobili, vani, dispense e un bagno: non manca veramente nulla a bordo di questa mini-casa su ruote.

Sarah, Melanie e i loro figli Baylor e Hayes, insieme al cane Lump non potrebbero essere più felici di vivere a bordo del mezzo. Guardatelo bene: non vi fa venir voglia di salire a bordo, viverlo e trascorrerci del tempo?

Advertisement

Ogni angolo, su questo specialissimo autobus-mini casa, è studiato per essere funzionale. Il posto guida, ad esempio, funge anche da ufficio, con appositi spazi e soluzioni che farebbero invidia a qualsiasi architetto d'interni specializzato in spazi piccoli.

L'autobus di questa coppia, in circa 22 metri quadrati, offre veramente tutto, e permette ai suoi abitanti di trovare posto a ogni cosa al suo interno.

Advertisement

Certo: non è semplice lavorare e crescere i bambini in uno spazio così, ma le due mamme ci provano con tutto il loro impegno, dividendosi tempi e ambienti e ricavandosi ovviamente anche molti momenti che passano all'esterno dell'autobus.

Le due donne, poi, amano cucinare, e per questo hanno voluto creare una cucina che fosse completa e funzionale al 100%, con tanto di tostapane e friggitrice. "Nei momenti in cui prepariamo il cibo, coinvolgere i bimbi è fondamentale" ha detto ancora Melanie.

Advertisement

Ognuno, all'interno del bus-casa, riesce ad avere il suo spazio delimitato e definito, e tutti riescono a fare ciò che devono fare senza troppe rinunce.

"Avere tutto e tutti a portata di mano è bellissimo, non ha prezzo" ha continuato la donna "siamo in un piccolo ambiente in cui tutti ci assistiamo a vicenda. La vicinanza ci aiuta".

Questa famiglia, in effetti, sembra davvero felice nella sua casa originale, alternativa e su ruote. Voi che ne pensate? Fareste mai una scelta di vita come questa?

Tags: AutobusCuriosiStorie
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie