Questa startup tutta al femminile produce tessuti di alta qualità partendo dagli scarti degli agrumi - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Questa startup tutta al femminile produce…
Covid: la Germania taglia lo stipendio ai suoi parlamentari, non accadeva dal dopoguerra Un fotografo riesce a immortalare un rarissimo pinguino dal piumaggio giallo brillante

Questa startup tutta al femminile produce tessuti di alta qualità partendo dagli scarti degli agrumi

19 Febbraio 2021 • di Lorenzo Mattia Nespoli
917
Advertisement

Inventare qualcosa di originale significa anche e soprattutto spingersi su terreni inconsueti che magari, sulle prime, possono sembrare assurdi o persino impossibili. Eppure, è proprio lì che a volte risiede la genialità di certe trovate, come dimostra quella di cui stiamo per parlarvi. Pensereste mai di produrre tessuti a partire dagli agrumi?

Se avete risposto no, sappiate che la startup italiana tutta al femminile di cui stiamo per parlarvi non sarebbe affatto d'accordo. Si chiama Orange Fiber e ha ideato e brevettato un progetto che recupera gli scarti della spremitura dei preziosi frutti nati e cresciuti in Sicilia, regione celebre per questi prodotti, per trasformarli in tessuti originali e di alta qualità.

Adriana Santonocito, specializzata in moda, ha avuto l'intuizione che poi sarebbe diventata Orange Fiber già nel 2012. Collaborando con la socia Enrica Arena, esperta in comunicazione, ha dato vita a una startup davvero sui generis. La "vita" delle squisite arance siciliane non si sarebbe esaurita con la spremitura e lo smaltimento degli scarti, ma sarebbe andata ben oltre.

Così, ogni elemento da gettare via è risultato utile per creare un tessuto prezioso e simile al cotone, dai semi alle foglie, passando per le bucce. L'idea, stando a quello che hanno raccontato le due intraprendenti imprenditrici, era quella di fare qualcosa di concreto per recuperare tonnellate e tonnellate di scarti che ogni anno l'industria degli agrumi produce.

Advertisement

In nome della sostenibilità e della circolarità, Antonella ed Enrica hanno pensato bene di guardare alla moda come a un'industria dall'impatto minore sull'ambiente, e per farlo sicuramente la prima regola è non sprecare.

"Recuperiamo tonnellate di elementi provenienti dalle arance che andrebbero persi - ha detto Enrica Arena - possiamo estrarre una materia prima simile alla cellulosa, e da questa arriva la fibra che poi viene lavorata". Alla fine del ciclo, questo particolarissimo tessuto viene venduto alle aziende di moda. Ed è proprio qui che Orange Fiber sta riscuotendo un meritato e notevole successo.

Nel giro di qualche tempo, per l'azienda non sono mancate le collaborazioni con importanti brand del settore, tra cui H&M, Ferragamo e Marinella. E Orange Fiber non ha certo intenzione di fermarsi: le partnership continueranno, proprio con l'obiettivo di crescere e proporre sul mercato prodotti particolari, di qualità e con un fondamentale risvolto sostenibile. Niente male, vero?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie