Era vittima di bullismo perché appassionata di insetti: a 8 anni ha già pubblicato una ricerca scientifica - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Era vittima di bullismo perché appassionata…
20 persone che hanno sfoggiato tagli di capelli stravaganti senza accorgersi che erano di pessimo gusto 18 disastri informatici così assurdi che farebbero impallidire qualsiasi addetto ai lavori

Era vittima di bullismo perché appassionata di insetti: a 8 anni ha già pubblicato una ricerca scientifica

04 Dicembre 2020 • di Lorenzo Mattia Nespoli
2.715
Advertisement

A volte i bimbi sanno essere piuttosto crudeli con i loro simili. Ce ne accorgiamo ogni volta che ci troviamo di fronte a storie di bullismo, vessazioni e prese in giro per caratteristiche, abitudini e passioni che evidentemente non stanno bene a tutti e non sono ritenute "accettabili" dal branco.

Proprio come accadeva a Sophia Spencer, bimba canadese di 11 anni che, da quando ha iniziato a frequentare le scuole elementari, non ha purtroppo avuto un attimo di pace per via della sua smodata passione per gli insetti. Proprio così: Sophia ha sempre amato osservare e studiare queste creature, qualunque esse fossero, e tutto questo non è stato ben visto dai suoi compagni di classe. La bimba, però, ha dato loro una bella rivincita.

via: NPR

La quotidianità di Sophia, proprio come quella di molti bambini e ragazzi vittime di bullismo, non era affatto semplice da affrontare e così, grazie alla presa di posizione di sua mamma, che nel 2016 ha raccontato al mondo ciò che accadeva, la comunità scientifica - e in particolare quella degli entomologi - le ha dato una mano, rendendola protagonista di qualcosa di grande.

A mettersi in contatto con la piccola amante degli insetti è stata nientemeno che la Entomological Society of Canada, che ha dato visibilità alla richiesta della mamma di Sophia. Da quel momento, la piccola ha ricevuto libri, strumenti e pubblicazioni che potessero aiutarla a coltivare al meglio la sua passione.

Fra tutti, l'entomologo Morgan Jackson è stato quello che è riuscito a mettere maggiormente in risalto la storia di Sophia. Con l'hashtag #BugsR4Girls ("gli insetti sono per ragazze"), la vicenda ha raggiunto migliaia di utenti, e Jackson ha deciso di invitare la piccola appassionata a essere coautrice - e dunque a pubblicare - una ricerca sui rapporti tra social media e mondo degli insetti.

Così, a soli 8 anni, Sophia è diventata un nome nella comunità scientifica, e moltissime persone da ogni parte del mondo le hanno mostrato tutto il loro affetto e il loro supporto. «Sono stata contentissima - ha detto - è stato bello vedere altre ragazze studiare gli insetti. Tutti possono seguire la propria passione, basta non arrendersi».

Advertisement

E la giovane "carriera" di Sophia come entomologa è soltanto all'inizio, non si è certo esaurita solo con quella ricerca scientifica. La piccola, infatti, è diventata anche autrice di un libro illustrato, The Bug Girl, basato sulla sua vera storia, pensato e realizzato proprio per motivare tanti giovanissimi come lei a seguire la passione per gli insetti - o più in generale qualsiasi passione - senza preoccuparsi di quello che pensano gli altri.

Non c'è che dire: quella di Sophia è davvero una storia bella e motivazionale. Qualunque siano le nostre attitudini, è sempre bene coltivarle e valorizzarle. Può essere difficile, è vero, ma ne varrà sempre la pena.

immagine: Amazon
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie