In Danimarca ai bambini della materna si insegna solo l'alfabeto: tutto il resto del tempo è lasciato al gioco - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
In Danimarca ai bambini della materna…
Un uomo è costretto a vendere la sua PS5 dopo che la moglie ha scoperto che non è un purificatore d'aria 15 gatti che non hanno bisogno di alcun test del DNA per dimostrare di essere genitore e figlio

In Danimarca ai bambini della materna si insegna solo l'alfabeto: tutto il resto del tempo è lasciato al gioco

03 Dicembre 2020 • di Lorenzo Mattia Nespoli
2.149
Advertisement

In molti ricordiamo gli anni della scuola con nostalgia ma a volte anche con un pizzico di timore, pensando magari a insegnanti particolarmente severi che facevano "rigare dritto" l'intera classe nelle ore di lezione.

Tutti seduti in silenzio, disciplinati e con una divisione ben precisa dei momenti di gioco da quelli di apprendimento. Se questa descrizione coincide col vostro ricordo, non siete i soli, ma sappiate che esistono sistemi educativi ben diversi, come quello portato avanti in Danimarca. Nelle scuole materne del Paese scandinavo, infatti, i bimbi imparano una cosa fondamentale: la ricreazione.

Non stiamo scherzando, né esagerando. La Danimarca, così come le altre Nazioni scandinave, ha un sistema scolastico della prima infanzia dall'approccio davvero particolare, proprio perché è basato sull'insegnamento del gioco, un tassello ritenuto fondamentale nella crescita dei più piccoli.

Fare ricreazione, svagarsi e giocare, così, diventano faccende scolastiche serissime, tutt'altro che da lasciare in secondo piano. Prima dei 6 anni di età, il programma è questo: giocare e imparare attraverso lo svago. L'unica cosa che si insegna ai bimbi in senso tradizionale è l'alfabeto; tutto il resto del tempo è, per così dire, libero.

I piccoli alunni hanno moltissimo tempo per giocare, è vero, ma non è del tutto corretto pensare che questa lunga "ricreazione" sia fine a se stessa. I bambini frequentano un ambiente dove esplorare il mondo in maniera autonoma, divertendosi ma allo stesso tempo imparando. Giocando, infatti, bimbi cominciano fin da subito a mettere in pratica e a sviluppare abilità sociali, rapporti interpersonali e soprattutto curiosità.

Advertisement

Il tutto in un ambiente "protetto", dove gli alunni sono seguiti, aiutati, osservati e incoraggiati a incanalare la loro naturale curiosità in qualcosa di buono e positivo per la crescita. Se dunque pensare di lasciare un figlio in una scuola dove impara "soltanto" l'alfabeto a molti genitori potrebbe apparire inconsueto e rischioso, nelle materne danesi i piccoli non rimangono affatto più indietro degli altri, anzi.

L'istruzione materna focalizzata sul gioco, l'esplorazione e la curiosità non è divertimento fine a se stesso, ma un vero strumento per coinvolgere, responsabilizzare e dare ai bambini maggiore fiducia e autostima. Dare ai piccoli libero arbitrio e legittimarli nelle loro scelte, del resto, non deve spaventare gli adulti: un modello così, ragionato e sostenuto da studi pedagogici, può soltanto contribuire a far crescere adulti migliori.

Tags: ScuolaCuriosiBambini
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie