I medici stanno testando uno strumento rivoluzionario che rileva i tumori in 7 minuti con un semplice respiro - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
I medici stanno testando uno strumento…
In Islanda la parità salariale diventa realtà: pagare le donne meno degli uomini è diventato illegale Ecco a voi la mappa geografica più antica della storia: ha 2600 anni e viene dalla Mesopotamia

I medici stanno testando uno strumento rivoluzionario che rileva i tumori in 7 minuti con un semplice respiro

1.057
Advertisement

Gli scienziati del sistema sanitario del Regno Unito stanno testando un nuovo strumento rivoluzionario per l'indagine anti-tumorale: una sorta di "etilometro" che può rilevare la presenza di centinaia di patologie in pochissimi minuti, anche allo stadio iniziale.

Il metodo, progettato e realizzato da Ancon Medical, è un passo avanti rispetto a quelli già utilizzati, che permettono di rilevare la presenza di un tumore solo se i biomarker sono abbondanti, e quindi non sono utili per una diagnosi precoce.

via: CNN.com
immagine: Max Pixel

I test avranno inizio alla fine del 2019 in due strutture sanitarie statunitensi e due del Regno Unito e si concentreranno soprattutto sul tumore ai polmoni. Il sistema è incredibilmente semplice: il paziente deve respirare per circa un minuto in uno speciale dispositivo (simile ad un etilometro) e le nanoparticelle vengono rielaborate da un apparecchio (non più grande di un microonde) che le "traduce" in formati leggibili. Successivamente i dati vengono analizzati da un'intelligenza artificiale, un supercomputer che si trova nella sede di Ancon Medical nel Kent, che comunicherà concretamente i risultati nell'arco di circa 7 minuti, evidenziando eventuali campanelli d'allarme.

Se tutto procede come ritengono i ricercatori e gli sviluppatori, il nuovo strumento potrebbe diventare di uso comune già nel 2021, e permetterà di rilevare la presenza di 400 patologie diverse (non solo tumorali). La sua diffusione farà risparmiare tempo e ingenti fondi alla sanità e soprattutto permetterà di individuare le patologie con enorme anticipo, a beneficio dei pazienti.

L'uso dell'intelligenza artificiale inoltre permetterà di modificare e perfezionare le indagini nel tempo: l'elaboratore terrà traccia di come i tumori e le altre patologie si evolvono, così da rendere il test il più accurato e aggiornato possibile.

Speriamo davvero di sentire parlare molto presto di questa promettente tecnologia.

Source:

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie