Ritrovato in Antartide il "vero" mostro di Loch Ness: un fossile di 70 milioni di anni fa di dimensioni esagerate - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Ritrovato in Antartide il "vero" mostro…
La storia di Irena Sendler, l'infermiera che riuscì a salvare 2500 bambini ebrei dall'Olocausto Una strada fatta con rifiuti di plastica: in Svizzera si testa il nuovo asfalto ecosostenibile

Ritrovato in Antartide il "vero" mostro di Loch Ness: un fossile di 70 milioni di anni fa di dimensioni esagerate

6.528
Advertisement

Un'enorme creatura acquatica risalente a circa 70 milioni di anni fa, lunga più di 12 metri e pesante 15 tonnellate. No, non vi stiamo descrivendo un mostro tratto da un film di fantascienza, ma gli esiti di un ritrovamento piuttosto particolare avvenuto in Antartide.

I paleontologi sostengono di aver trovato lo scheletro di un essere del tutto simile a quello che vi abbiamo descritto. Ovviamente, una volta avvenuta la scoperta, i ricercatori sono stati in grado di dare una spiegazione e identificare la misteriosa creatura. Tuttavia, il fossile rinvenuto in Antartide ha subito fatto pensare anche a un'origine leggendaria.

Chi non ha mai sentito parlare del mostro di Loch Ness? Chiamato amichevolmente Nessie, questa creatura da secoli attira su di sé leggende, racconti e persino presunti avvistamenti, che hanno reso celebre il lago scozzese nei cui fondali si nasconderebbe.

Ma cosa c'entra Nessie col ritrovamento avvenuto in Antartide? Più di quanto potremmo pensare. Il fossile, infatti, apparterrebbe a un elasmosauro, dinosauro con collo e coda lunghi e testa piccola, abile nuotatore che avrebbe avuto la caratteristica di "riprendere fiato" di tanto in tanto, mettendo la testa fuori dall'acqua.

immagine: pxhere.com

Se vi sono venute in mente le leggende e le (finte) immagini del mostro di Loch Ness, siete sulla strada giusta, perché l'elasmosauro, che potrebbe essere sopravvissuto per un periodo incerto dopo la scomparsa dei dinosauri, identificherebbe proprio la misteriosa creatura che da secoli si è ritenuta "inquilina" dell'affascinante lago scozzese.

Il leggendario Nessie, secondo racconti e "ricostruzioni" è stato collegato a un sauropode sopravvissuto già in passato. Questo gruppo di dinosauri, che privilegiavano gli ambienti acquatici, rispecchierebbe proprio le presunte caratteristiche fisiche del mostro.

Advertisement

Ora lo sappiamo: nonostante magari per alcuni sia difficile da accettare visto il fascino della leggenda, il mostro di Loch Ness non esiste. Tuttavia, se proprio dovessimo dargli una connotazione estetica e storica, potremmo tranquillamente identificarlo con la figura di un elasmosauro!

immagine: DiBgd/Wikimedia
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie