Le persone più solitarie sono anche le più intelligenti, parola di studio scientifico - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Le persone più solitarie sono anche…
Panorami mozzafiato e cibo d'eccellenza: ecco cosa vuol dire viaggiare in prima classe sul Glacier Express Le allergie stagionali diventano sempre più aggressive a causa dei livelli di anidride carbonica nell'atmosfera: ecco perché

Le persone più solitarie sono anche le più intelligenti, parola di studio scientifico

2.977
Advertisement

Tutti ci sentiamo meglio se viviamo una vita piena di gioia, di amore e circondati dall'affetto di amici, compagni e una famiglia amorevole; insomma, meno siamo soli e più viviamo bene. Eppure, uno studio condotto da alcuni scienziati e pubblicato nel British Journal of Psychology afferma proprio il contrario e celebra tutti i vantaggi dell'essere soli. Chi è più solitario, dice lo studio, è più intelligente. Ci avreste mai creduto?

immagine: Pixabay

Un sondaggio intrapreso dagli scienziati Norman Li e Satoshi Kanazawa ha misurato in 15,000 individui i livelli di salute, intelligenza e soddisfazione nella vita basandosi su due elementi principali: la densità demografica e la frequenza di comunicazione con le persone che ci circondano.

I due scienziati sono arrivati a formulare la cosiddetta "teoria della savana", secondo la quale viviamo le gioie della nostra vita sulla base delle esperienze dei nostri antenati; secondo i due autori dello studio, le persone "meno intelligenti" sono più influenzate da questa teoria, nella fattispecie nel momento in cui si analizza che meno si è intelligenti e più si preferiscono zone rurali dove il contatto con gli altri è più frequente, mentre le persone "più intelligenti" tendono a scegliere come habitat naturale le aree urbane.

Proprio nelle zone ad alta densità urbana, paradossalmente, c'è meno possibilità di contatto relazionale con le persone, al contrario di quanto accadeva ai nostri antenati che avevano frequenti contatti con amici e conoscenti per questioni pratiche e a volte di sostentamento; i due autori dello studio sottolineano al contrario che le persone con un'intelligenza superiore alla media preferiscono invece un approccio individuale alla soluzione dei problemi di tutti i giorni.

Se tendiamo a circondarci di amici e frequentazioni, ciò con ci rende di certo meno intelligenti, eppure questo studio ci mette di fronte alla realtà secondo la quale chi passa più tempo da solo non è semplicemente un asociale, ma è nato in questo modo e di certo i vantaggi che ne trae sembrano essere...innumerevoli!

Source:

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie