La Svezia dirà presto addio ai contanti, per adottare solo pagamenti elettronici - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La Svezia dirà presto addio ai contanti,…
Visitano 33 paesi in 10 mesi in luna di miele: ad ogni tappa la sposa indossa lo stesso vestito del matrimonio L'Italia è il terzo esportatore di avorio nel mondo

La Svezia dirà presto addio ai contanti, per adottare solo pagamenti elettronici

27 Febbraio 2019 • di Laura Gagliardi
4.872
Advertisement

La Svezia, una delle nazioni più tecnologicamente avanzate del pianeta e con i più alti livelli di benessere, sta per raggiungere un nuovo primato: sarà infatti il primo paese a dire addio al denaro.

Lo storico momento è previsto per marzo 2023: a partire da questa data i contanti non saranno più accettati, e l'unica modalità di pagamento sarà attraverso la moneta digitale, l'e-Krona, che verrà introdotta nel 2021.

Un altro primato finanziario per la nazione che per prima, nel 1663, introdusse le banconote.

immagine: pixabay

Mentre nei paesi del sud Europa il contante resta una forma di pagamento abbastanza diffusa ed in alcuni posti esclusiva, nel nord Europa sta avvenendo esattamente il contrario – e la Svezia ne è l'emblema. Già oggi in terra svedese non solo è difficile trovare uno stabilimento che accetti i contanti, ma addirittura l'80% di tutte le transazioni al dettaglio è condotto per via elettronica, tramite carta o l'applicazione mobile Swish.

Si tratta di un'applicazione nata nel 2012 da una collaborazione fra le sei maggiori banche svedesi, e consiste in una piattaforma di pagamento mobile istantanea per aiutare i clienti ad effettuare più facilmente i pagamenti elettronici. Sia gli istituti finanziari che il governo incoraggiano i cittadini a passare all'economia digitale, col risultato che oggi Swish è utilizzata da metà della popolazione svedese.

Persino i bambini di età superiore ai sette anni possono ottenere – naturalmente dietro consenso dei genitori – una carta di debito: in questo modo si abitueranno fin da subito a questo nuovo sistema di pagamento. Più difficile da digerire sembra invece ai turisti, che hanno difficoltà a trovare contanti: eppure questi non sono più davvero necessari, già adesso.

Infatti, più del 99% dei commercianti accetta carte elettroniche; persino nei caratteristici mercatini tutti i fornitori dispongono di un lettore di schede chip-and-PIN di pagamento mobile, oppure utilizzano Swish – non solo. Ormai da diversi anni, i trasporti pubblici di Stoccolma hanno smesso di accettare denaro contante: i biglietti sono pre-pagati utilizzando un'applicazione mobile oppure acquistati con la carta dal conducente o presso un distributore automatico. 

Advertisement
immagine: pexels

Le ragioni di questo passaggio al digitale sono numerose, e tutte pienamente valide: rendono le transazioni più sicure, contrastano i traffici illegali e l'evasione fiscale. Addirittura, negli ultimi anni le rapine in banca sono notevolmente diminuite, dato che la quantità di denaro contante presente nelle banche è diminuito; gli stessi direttori ed impiegati di banca si sentono così più sicuri. 

Per ora non ci resta che attendere, per poter assistere agli effetti concreti di questo addio ai contanti a partire dal 2023; ma nel frattempo non possiamo che concordare sulle motivazioni di un tale passo epocale, che un giorno potrebbe riguardare tutti i paesi.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie