Perché ci piace così tanto l'odore dei libri? Esiste una spiegazione chimica - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Perché ci piace così tanto l'odore…
11 immagini che ci mostrano gli oggetti che conosciamo da un altro punto di vista Da fuori i treni notturni giapponesi sono come tutti gli altri, ma all'interno nascondono una vera oasi di pace

Perché ci piace così tanto l'odore dei libri? Esiste una spiegazione chimica

9.297
Advertisement

C'è un odore inconfondibile, eppure di nicchia, che è amato quanto la passione che il suo oggetto esercita su chi se ne circonda: quello dei libri. Entrando in una libreria, e ancor di più in una biblioteca, è facile essere assaliti da questo profumo, che ci attira quasi quanto il contenuto ad afferrare un libro e sfogliarne le pagine, lasciandosi inebriare da quest'odore caratteristico. Un profumo talmente particolare da aver spinto qualcuno a chiedersi quale ne sia l'origine: così, Andy Brunning ha individuato le componenti chimiche responsabili di questo aroma.

Da buono scienziato, nel suo blog Brunning ha esaminato i processi e composti alla base del caratteristico odore di libri, distinguendo fra due aromi principali: quello dei nuovi testi e quello proprio degli antichi volumi.

Per quanto concerne i primi, è abbastanza difficile individuare i composti specifici, poiché sono migliaia quelli utilizzati per i vari libri, e, dunque, selezionare le sostanze chimiche odorifere è piuttosto complicato – ma non impossibile. Infatti, tre sono i probabili responsabili: la carta e le sostanze utilizzate nella sua fabbricazione, gli inchiostri e gli adesivi per la rilegatura.

Relativamente ai libri invecchiati, l'odore è più facile da rintracciare: la cellulosa e la lignina della carta, consumandosi, rilasciano composti organici da cui deriverebbe il tipico profumo. Le componenti questo aroma sono vaniglia, benzaldeide – che sa di mandorla –, odori dolci sprigionati dall'etilbenzene e dall'etilesanolo. 

La differenza tra libri nuovi e vecchi starebbe nella migliore qualità della carta utilizzata oggi, che, se da una parte è più ecologica, dall'altra sarebbe però meno "odorosa". Per i più moderni, passati all'e-book ma nostalgici del profumo di libri, sarebbe invece possibile rimediare con uno spray inventato appositamente per lo scopo – resisterete alla tentazione di spruzzarlo ovunque?

Tags: ScienzaCuriosiLibri
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie